Skin ADV

Battipaglia. Vitale eleggere un Consiglio Comunale capace ed autorevole

Tutti pronti sul nastro di partenza?

A quanto pare, come di tradizione, nella città di Battipaglia c’è una proliferazione di candidati a sindaco. Non vi è dubbio, però, che quella ambita poltrona ha un suo particolare fascino per la gestione del potere, ma allo stesso tempo scotta come una palla di fuoco. Negli ultimi 20 anni la corsa alla candidatura a primo cittadino è stata perlopiù fallimentare: 2 terremoti giudiziari, con l’arresto di altrettanti primi cittadini, una dimissione forzata, uno scioglimento di Consiglio Comunale per abbandono di 16 consiglieri e uno scioglimento per infiltrazione mafiosa. Un dato storico, che non può non far riflettere sull’impostazione di una gestione politica amministrativa.  Evidentemente puntare esclusivamente sulla forte personalità di una singola persona non è sufficiente a poter dare la dovuta governabilità ad una città. Pertanto, sarebbe auspicabile che gli elettori si soffermino anche e soprattutto sulla scelta del nuovo Consiglio Comunale. L’elettore faccia valutazioni sulle capacità di programmazione, sulla competenza e sulla autorevolezza perché il neoprimo cittadino da solo, chiunque sia, con tutta la sua bravura politica o tecnica farebbe pochissima strada. Sono positive le iniziative di nascita di molte associazioni, o movimenti politici, con finalità elettorali; iniziative che sintetizzano la voglia di dare una svolta alla stagnazione amministrativa in cui giace la città. Non sarà facile eleggere una classe dirigente autorevole, capace, svincolata da interessi atavici e deleteri, guardando al presente e al futuro, con programmazione ed innovazione. Battipaglia dovrà fare uno sforzo notevole per non restare emarginata nell’ambito della crescita che una parte della provincia di Salerno ha avuto. I punti nevralgici da toccare sono poco ma vitali, c’è l’esigenza primaria di fermare l’emorragia dell’emigrazione culturale e giovanile. Senza i cervelli e senza le braccia la città muore, non progredisce. Ecco perché è determinante per la città dare fiducia a chi è nelle condizioni di poter dare un serio e concreto contributo al Consiglio Comunale, sarebbe mortale continuare a perseverare   sempre sugli stessi errori: scegliere solo il sindaco senza un nuovo e capace Consiglio Comunale.  

e-max.it: your social media marketing partner