Battipaglia. Motta non diffamò Di Cunzolo. Archiviazione del G.I.P.

BATTIPAGLIA: “Motta non diffamò Brunello Di Cunzolo”: è questa la motivazione del GIP di Salerno nel disporre l’archiviazione a favore dell’acerrimo nemico del responsabile politico della coalizione della sindaca Cecilia Francese. Gerardo Motta, assistito dall’avvocato Orazio Tedesco, si è dovuto difendere dopo la denuncia alla Procura della Repubblica dall’architetto Di Cunzolo. Quest’ultimo, lamentava che in una seduta del Consiglio Comunale l’avesse diffamato. Il fatto. Motta, appena dopo il sequestro preventivo della lottizzazione edilizia progettata da Di Cunzolo in località Santa Lucia, in Battipaglia, dichiarò: ”le persone che destabilizzano questo paese sono questi professoroni che si atteggiano a grandi urbanisti, che vogliono mettere il righello sotto braccio a tutti, che quando una cosa la sostengono loro è oro colato e siccome poi non sanno come fare per difendere gli interessi di chi li paga….” Basta andare all’ufficio  urbanistica e vedere i sequestri che ci sono  su tutta una serie  di cose fatte  dallo stesso personaggio, il quale viene e vuole dare lezioni di moralità…. è che noi dobbiamo sempre stabilire, chi sono i casalesi, chi sta con i casalesi e chi ha portato la camorra in questa città….i delinquenti di questa città, sappiamo chi sono, li conosciamo tutti, i famosi   colletti bianchi….poi puntualmente quando accadono le cose sono sempre gli stessi coinvolti in tutte le operazioni” e “visti i risultati io all’architetto Di Cunzolo non affiderei nemmeno il progetto per la cuccia di un cane”.  Esternazioni che, secondo  la Procura della Repubblica non sarebbero state idonee ad integrare alcun reato da parte di Motta, pertanto, il Pubblico Ministero procedente richiese al Giudice delle Indagini Preliminari l’archiviazione. Ma il querelante, l’architetto Brunello Di Cunzolo, non concorde si oppose. Il GIP, dottor Berni Canani, in Camera di Consiglio ha evidenziando che “trattasi di fattispecie potenzialmente diffamatoria, scriminata però, dall’esimente esercizio del diritto di critica politica.

La Suprema Corte ha altresì più volte sottolineato che in tema di diffamazione, l’esimente dell’esercizio di critica politica, che pure tollera l’uso di espressioni forti e toni aspri, ove tali espressioni non siano generiche e siano invece collegabili a specifici episodi, non risolvendosi in frasi gratuitamente espressive di sentimenti ostili, rimuove l’antigiuridicità del delitto pur perfetto in ogni suo elemento strutturale. Nella fattispecie, questo Giudice, ritiene che le prime due espressioni – pur dal tono poco misurato – siano per lo più contenute e non lesive dell’altrui reputazione e che le espressioni su indicate e riportate,  (visti i risultati, io all’architetto Di Cunzolo non affiderei nemmeno il progetto per la cuccia di un cane) pur potenzialmente lesiva del diritto alla reputazione, sia stato di fatto scriminata dall’esercizio del diritto costituzionale alla critica politica, in quanto resa da un consigliere comunale, che aveva all’ordine del giorno proprio il sequestro su un’opera edilizia progettata dal Di Cunzolo, non essendo, per ciò, solo gratuita e slegata dal contesto, ma semmai ancorata ad un argomento di intenso rilievo politico per la comunità di Battipaglia”. 

Gerardo Motta “Massimo impegno e proposte realizzabili”. Presentati i centoventi candidati al consiglio

“Abbiamo un grande compito, un grande lavoro: quello di far tornare grande la nostra città. Al mio fianco ho 120 candidati pronti a dedicare il loro tempo per il territorio” – con queste parole Gerardo Motta, candidato a Sindaco di Battipaglia, ha presentato mercoledì sera in Piazza Amendola i candidati al consiglio comunale con le liste: Motta Sindaco, Battipaglia A Testa Alta, Battipaglia Libera, Battipaglia Con Cuore e Speranza per Battipaglia: “Uomini e donne, ma anche esperienza e gioventù. Con tutti loro il pensiero è stato unanime: nessuna promessa e nessuna illusione per i tanti cittadini che meritano di vivere una Battipaglia diversa, da parte nostra solo massimo impegno e proposte realizzabili”.

Tra queste quelle legate a: “Bilancio e tributi, la nuova amministrazione dovrà avere un approccio deciso ed ordinato. Le famiglie in difficoltà devono sapere che l’ente è vicino a tutti, concretamente. Sotto tutti i punti di vista. Dobbiamo, infatti, ridare ai cittadini una città dove anche la legalità e la sicurezza siano due punti cardini. Costituiremo un Osservatorio permanente per la sicurezza e la lotta alla criminalità, da subito turni fino a mezzanotte da parte della Polizia Municipale. Ma non solo repressione, anche prevenzione. Un esempio in tal senso sarà la videosorveglianza in punti strategici e sensibili”.

Sensibile, ovviamente, è anche il tema del lavoro: “Ormai ci ritroviamo in una condizione di stallo – dice Motta -. Tra le prime azioni concrete da realizzare c’è la sburocratizzazione dei processi. Bisogna supportare chi ha voglia di investire nel nostro territorio. Le procedure necessarie ad avviare insediamenti produttivi saranno rapide e trasparenti per scoraggiare la fuga degli imprenditori all’estero. Il lavoro da fare, dunque, non manca, come quello relativo alle infrastrutture da realizzare. Servono parcheggi interrati, per migliorare il traffico, offrire lavoro ed aiutare il commercio. E’ impensabile arrivare al centro e non trovare mai posto per la macchina”.

Battipaglia. Sabato comizio pubblico del candidato a sindaco Gerardo Motta

Battipaglia. Si avvicina la data per eleggere sindaco e consiglio comunale, il 30 aprile 2016, alle ore 20:00 in Piazza Amendola, il candidato a primo cittadino di Battipaglia, Gerardo Motta, terrà il suo primo comizio pubblico. "Un incontro dovuto" - sottoline Motta - per  spiegare ai cittadini le ragioni per le quali ha deciso di intraprendere questa avventura politica, così come le proposte e le idee per far tornare grande Battipaglia.

Sottoscrivi questo feed RSS