Mercato San Severino. Il Maggiore dei Carabinieri Cisternino promosso Tenente Colonnello

E' l'ufficiale più alto in grado che abbia mai comandato la Compagnia dei Carabinieri di Mercato San Severino. Il maggiore Alessandro Cisternino, da quattro anni comandante della Compagnia dei Carabinieri di Mercato San Severino, è stato promosso al grado di tenente colonnello. L'ufficiale superiore, nel corso della sua carriera ha ricoperto altri incarichi di comando presso le Compagnie Carabinieri di Cerignola, Eboli e presso i Nuclei Investigativi di Foggia e Frascati. Nelle ultime ore il Comandante Provinciale di Salerno, Colonnello Gianluca Trombetti ha consegnato simbolicamente i gradi all’ufficiale.

  • AXA

Piacenza. Carabinieri infedeli, l'appuntato Montella: "tutti sotto di me"

Carabinieri arrestati a Piacenza, continuano gli interrogatori di garanzia. Emergono nuovi particolari aspetti sull’infedeltà dei militari. Dalle intercettazioni telefoniche Montella si vantava di tenerli tutti “sotto di lui”. Ha risposto per tre ore di fila alle domande dei magistrati l'appuntato Giuseppe Montella nel corso dell'Interrogatorio sui carabinieri della caserma Levante di Piacenza. La procura cerca riscontri alle accuse contenute nelle 900 pagine della richiesta di arresto per i carabinieri coinvolti. Principalmente parlavo con Montella, il quale mi diceva che  comunque tutti gli altri carabinieri della stazione erano 'sotto la sua cappella', compreso il comandante Orlando... alcune volte ho parlato anche con Falanga". Così, lo scorso gennaio, davanti agli investigatori, il giovane pusher marocchino che passava le informazioni ai carabinieri infedeli della caserma Levante di Piacenza, descrive la figura di Giuseppe Montella, il leader del gruppo, conosciuto molti anni prima perché faceva il preparatore atletico di una squadra di calcio di cui aveva fatto parte. E' quanto emerge dalla carte dei pm piacentini titolari dell'inchiesta 'Odyssesus'.Legale Montella,si può sbagliare per vanità e ingenuità  - "Si può sbagliare, si possono fare errori, per ingenuità, per vanità, per tante cose. Certe condotte possono avere rilevanza penale e chi ha sbagliato pagherà". Lo ha detto l'avvocato Emanuele Solari, il legale di Giuseppe Montella, il carabiniere considerato al vertice della piramide del sistema criminale messo in piedi nella caserma Levante, di fatto non escludendo che il suo assistito abbia fatto delle prime ammissioni davanti al Gip. Il carabiniere ha risposto per 3 ore a tutte le domande che gli sono state poste, "fornendo tutte le informazioni che poteva fornire", ha spiegato l'avvocato, "c'è la volontà di spiegare e ci saranno ulteriori riscontri. È stato collaborativo al cento per cento nel rispetto della giustizia". In sostanza, ha aggiunto l'altro avvocato, "c'è stata una collaborazione completa, chiarificatrice, esplicita e senza esitazioni".
   

  • AXA

   

Battipaglia. Ruba 6mila euro ad un anziano, denunciato dai Carabinieri

Pregiudicato battipagliese ruba borsello contenente 6mila euro ad anziano disabile. Il soggetto con la scusa di volere aiutare l’uomo si è impossessato sia del libretto della pensione che dei soldi. Il malcapitato ha immediatamente allertato i Carabinieri della locale Compagnia. I militari  sono sulle sue tracce ed hanno provveduto  a denunciarlo alla Procura della repubblica presso il tribunale di Salerno per furto aggravato.  Lo stesso personaggio nei giorni scorsi si era reso protagonista di un altro furto all’interno di un supermercato. Identificato e denunciato dai militari anche per violazione dell’art. 650 del codice penale, in violazione alle norme sul contenimento dal contagio epidemiologico.

Bellizzi. Denunciato dai Carabinieri per detenzione e spaccio di droga

Continua l’azione di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti del Comando compagnia Carabinieri di Battipaglia. Questa mattina la stazione dei militari di Bellizzi ha deferito in stato di libertà D.A.G., con l’accusa di detenzione al fine dello spaccio di sostanze stupefacenti. Gli uomini del tenete Maddalena, nel corso delle operazioni effettuavano una perquisizione domiciliare sequestravano 3,5 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, numerose bustine da utilizzare per il confezionamento delle dosi di droga nonché la somma in contanti pari ad euro 110,00, risultato dei proventi dell’illecita attività contestata.   

Battipaglia. Auto rubata recuperata dai Carabinieri dopo inseguimento

I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Battipaglia, durante il regolare  svolgimento servizio di pattugliamento, hanno intercettato in località Lido Lago, una Fiat Panda 4x4 che risultava rubata il 9 dicembre 2019 a Sala Consilina. A bordo dell’auto, due individui che, dopo un breve inseguimento della volante, hanno abbandonato la Panda in Via Flavio Gioia, nelle campagne di Pontecagnano Faiano e sono scappati tra i campi sfruttando anche il buio della notte. Il maltolto è stato recuperato e restituito al legittimo proprietario.

Battipaglia. Nipote tenta di strangolare la zia, la salvano i carabinieri

Battipaglia. E’ stata arrestata dopo aver tentato di strangolare la zia,che aveva in precedenza picchiato e alla quale aveva sottratto del denaro dalla borsa. L’episodio è accaduto la sera del 10 gennaio a Battipaglia. Una 40enne di Eboli, tossicodipendente e pregiudicata, dovrà rispondere delle accuse di rapina aggravata e lesioni personali aggravate nei confronti di C.C., 56enne di Battipaglia.Battipaglia. E’ stata arrestata dopo aver tentato di strangolare la zia,c he aveva in precedenza picchiato e alla quale aveva sottratto del denaro dalla borsa. L’episodio è accaduto la sera del 10 gennaio a Battipaglia. Una 40enne di Eboli, tossicodipendente e pregiudicata, dovrà rispondere delle accuse di rapina aggravata e lesioni personali aggravate nei confronti di C.C., 56enne di Battipaglia.La 40enne, dopo aver preso un caffè insieme alla zia, le ha chiesto dei soldi. Al rifiuto, la nipote ha stretto una sciarpa al collo alla zia  e l’ha colpita  più volte con calci e pugni. La vittima è riuscita ad allertare il 112, chiedendo aiuto.In casa sono giunti i carabinieri della Compagnia di Battipaglia che hanno bloccato la donna, trovata anche in possesso di un tirapugni, e l’hanno condotta agli arresti domiciliari.

Battipaglia. Furto con scasso in tabaccheria, trafugate 10mila euro di sigarette

Furto con scasso di fine anno, bottino dal valore di circa 10mila euro. L’incursione è avvenuta la scorsa notte all’interno del bar tabacchi della Esso lungo la strada provinciale 417, località Aversana. I malviventi, secondo una prima ricostruzione, avrebbero portato via solo sigarette. Danni alla porta d’ingresso, sfondata per entrare e compiere il disegno criminoso. Indagano i Carabinieri della compagnia di Battipaglia.  

Montecorvino Rovella. Noto imprenditore pesta a sangue la moglie, arrestato dai Carabinieri

Ancora violenza tra le mura domestiche. Ieri i Carabinieri di Montecorvino Rovella sono intervenuti a Bellizzi  ed hanno tratto in arresto G.V., noto imprenditore del posto,  per aver picchiato selvaggiamente la moglie. Il triste episodio è avvenuto a casa della coppia e davanti agli occhi della figlia autistica di 6 anni, ritrovata dai militari in stato di choc rinchiusa nella propria cameretta. Il 39enne non si è fermato neanche davanti ai militari, continuando ad insultare, sputare e inveire contro la moglie. L’aggressore è stato arrestato è tradotto ai domiciliari a casa dei genitori.  La donna, che presentava i segni delle percosse e lividi su tutto il corpo,  è stata medicata al vicino pronto soccorso di Battipaglia e giudicata guaribile in 15 giorni. La vittima ha successivamente raccontato nella denuncia, che i maltrattamenti andavano avanti da oltre un anno.

Sottoscrivi questo feed RSS