CONTATTACI OK

Battipaglia.Incendio in via Padova. Mansarda avvolta dalle fiamme

Battipaglia. Questa notte è stato necessario l’intervento dei Caschi Rossi nella zona residenziale battipagliese. Una mansarda è stata avvolta dalle fiamme da cause ancora da accertare. I Vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare oltre 3 ore per domare l’incendio. Fortunatamente non si registrano feriti. 

Eboli. Bonavoglia rimarca il pensiero di Ascolto Cittadino sulle tematiche del centro storico

Vittorio Bonavoglia, capogruppo di maggioranza in consiglio comunale, appoggia in pieno le parole espresse dal gruppo consiliare Ascolto Cittadino, sulla tematica del centro storico ebolitano. Secondo Bonavoglia infatti l'azione di rilancio messa in atto dall'attuale amministrazione cittadina non può non partire dalla questione sicurezza nelle strade antiche della città. E ciò è fattibile solo avviando una seria e programmata azione di censimento degli abitanti; un'azione che deve portare ad un quadro certo e sicuro degli abitanti del centro storico ebolitano. «L'attualità - afferma Bonavoglia - ci porta direttamente al centro antico di Eboli, ma è bene sottolineare come tale attività di controllo deve interessare anche le zone periferiche del comune ebolitano. La nostra città infatti si caratterizza per un’estensione territoriale molto vasta, e per diverse zone periferiche che devono essere prese in considerazione tutte. Non più zone di serie A e zone di serie B, come avveniva in passato; piuttosto l'obiettivo di questa amministrazione è dare dignità ad ognuna delle aree di cui si compone il comune di Eboli». Il consigliere Bonavoglia, al fianco dell'amministrazione, vigilerà perché questo avvenga.

Battipaglia. Arrestato Adriano Fera. Aggredì gli operatori del D.S.M.

Battipaglia. Nella serata di ieri 27 gennaio, a Battipaglia, i Carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto Adriano Fera, 38enne del posto, in ottemperanza all’Ordinanza di applicazione provvisoria della misura di sicurezza del ricovero in REMS (Residenza per l’Esecuzione di Misura di Sicurezza) emessa, il 19 gennaio 2016, dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Salerno.

Il provvedimento scaturisce dall’esito di articolata attività investigativa, condotta dai militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Battipaglia, che ha consentito di raccogliere inconfutabili elementi di colpevolezza a carico dell’indagato, il quale il 21 novembre 2015, in preda ad una crisi di astinenza ed al fine di ottenere l’indebita prescrizione di psicofarmaci, danneggiava i locali del Dipartimento di Salute Mentale di Battipaglia, aggredendo, con calci e pugni, il medico e gli infermieri di turno, costringendoli a ricorrere alle cure dei colleghi del pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria della Speranza” di questo centro.

Il 38enne battipagliese, il successivo 8 dicembre, sempre in evidente alterazione psichica dovuta al suo stato di tossicodipendente, si scagliava, con un oggetto appuntito, contro la guardia giurata in servizio presso il nosocomio battipagliese, per avergli impedito l’accesso alla struttura attraverso un varco non consentito, procurandogli gravi lesioni al volto.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto al centro REMS di Mondragone.

Montecorvino Pugliano. Arrestato Gerardo Petrillo

Montecorvino Pugliano.I Carabinieri della Stazione di Montecorvino Pugliano hanno tratto in arresto, in flagranza di reato per inosservanza degli obblighi imposti dalla Misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, il pluripregiudicato Gerardo Petrillo, 58enne di Bellizzi.

I militari, nel corso di un servizio teso al contrasto del crimine diffuso disposto dalla Compagnia Carabinieri di Battipaglia, hanno bloccato il noto pregiudicato, sottoposto all’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza quale Sorvegliato Speciale, mentre transitava, alla guida di un FIAT Ducato nonostante gli fosse già stata revocata la patente, per zona periferica di Montecorvino Pugliano.

L'arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto alla Casa Circondariale di Salerno.

Continua la lotta tra i Licei di Eboli e Battipaglia. Il dirigente di Eboli "Diffidate delle imitazioni"

Di seguito riportiamo le dichiarazione del Dirigente Scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Perito-Levi-Daniele” di Eboli (Liceo Classico, Liceo Artistico e Liceo Musicale), dott. Giovanni Giordano in merito alladelibera regionale che autorizza l’attivazione di sezioni di Liceo Classico e di Liceo Musicale da parte dell’I.I.S. “Medi” di Battipaglia.

“FRANCAMENTE ME NE INFISCHIO..”    

Uso la famosa frase di Clark Gable nell’indimenticabile Film “Via col Vento” per comunicare a tutti quelli che pensano che la scuola sia o dovrebbe essere un luogo in cui si progetta e programma per il ben del territorio, per il futuro dei giovani che vogliono certezze ed in cui le famiglie ripongono speranze.

Francamente me ne infischio; di chi ha progettato un Piano di Miglioramento orientato alla Laboratorialità, alla Sperimentazione scientifica, al potenziamento della Matematica, della Fisica, al Potenziamento della L2, che vuole o potrebbe aver voluto un potenziamento sulla possibilità dell’acquisizione delle competenze sociali Europee, sul Diritto e sulle Scienze Economiche, e sul Disagio, sulle Disabilità,sul Potenziamento delle Scienze Motorie ed anche sulla classicità, sul Latino che” tolgo da una parte , però aggiungo Latino e Greco dall’altra, caso mai passando per Pitagora che in fondo è Musica e Filosofia e Matematica o ….. sul tempo di Vita della Terra!”

“quosque tandem patientia nostra….”

Come potremmo chiamare questa idea FOLLE : “ Istituzione del Liceo Tuttologo”? Potremmo considerare, vista la alta frequenza negli Istituti Alberghieri e/o Agrari , di istituire indirizzi di questo tipo all’interno del Liceo Tuttologo in modo da organizzare un Monopolio della Istruzione di estrema quantità e  che tanto richiede dal Territorio , ma che poca qualità rilascia? 

Francamente me ne infischio; di chi ha dovuto pubblicare il Piano Triennale dell’Offerta Formativa senza avere la barra dritta del timone verso una meta, verso una Mission con una chiara e precisa Vision della Scuola e del Proprio territorio, approdando di porto in porto in cerca di nuove braccia… come misero mercante di schiavi.

Francamente me ne infischio; di politici che consentono tali scempi e non conoscendo le realtà locali che non si occupano dei problemi di trasporto, dei problemi connessi alle disabilità, alla cura ed alla gestione del patrimonio artistico, dei Piani Commerciali, Territoriali (vedi Fascia Pineta), dell’ Industria, della viabilità ma si arrogano il diritto, pur essendo Pro Tempore e sicuramente qualificati, di assumere indirizzi di Politica Scolastica in piena autonomia, senza confronti con le forze politiche locali, con i cittadini, con le associazioni ,ma in una stanza chiusa da solo, con la sola indicazione di un Collegio dei Docenti ed un Consiglio d’Istituto che deliberano, spero all’unanimità, “ Cicero pro domo sua”, il rilascio della licenza del negozio di scarpe poiché da tempo, vendendo frutta avariata, “ da loro non vanno  più a comprare niente”!

Vorrei per un attimo, con Voi, fermarmi… e pensare!

Perché? Potrei comprendere la situazione  di  un Istituto ai limiti del dimensionamento che, dovendo aggregarsi con altri comuni limitrofi , rischierebbe di perdere l’autonomia - non è questo il caso- o per aver fatto dall’inizio scelte di tipoclassico e musicale - non è questo il caso- vista la richiesta di indirizzi che eliminano o almeno riducono lo studio del Latino. Tutto e il contrario di tutto.

Capirei che il Sindaco in carica , regolarmente e democraticamente eletto attraverso le sue componenti, dopo attente analisi , indicasse le strategie da intraprendere, anche nelle collaborazioni con i Comuni viciniori, che è giunto il momento di far diventare Eboli  mera “espressione geografica”.

 Sicuramente non capisco  che, per  la smania di protagonismo di qualche politico, o sedicente tale,  si debbano alimentare  tra i Comuni diatribe e rancori, da tempo sopite, dissotterrando asce di guerra, riproponendo disaccordi che in ogni caso svantaggiano la ripresa del territorio, invece di favorire il dialogo e stilare progetti condivisi per migliorare la Valle del Sole: non è un errore di stampa , volevo scrivere Sole.

Non voglio andare oltre! Piuttosto  chiedo : “ Chi avvantaggia nella corsa politica alle prossime elezioni amministrative tale scelta sconsiderata? Quale beneficio può trarne il territorio, dico TERRITORIO, non piccolo orticello di questo o quel misero Istituto o ….. misero politico?

Comunque diffidate dalle imitazioni!!!!!

Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia