CONTATTACI OK

Battipaglia paralizzata. Sommersa nell'acqua come Venezia

Questa città ha un grande futuro. Senza dubbio alcuno. Un futuro radioso che la attende. Un futuro….nell’acqua. Battipaglia è divenuta e diverrà negli anni successivi, meta di turisti provenienti da ogni parte di Italia. Siamo come Venezia. Una città immersa nelle acque di una pioggia che se pur torrenziale, ha dimostrato e palesato la vergogna politica di un abbandono del suo territorio a partire dalla edificazione cementizia. Uno sfruttamento degli anni passati, trasmesso ai giovani di oggi ed alle generazioni che attualmente vivono la città. Una vergogna inaudita.Eppure c’è chi in consiglio comunale ha avuto l’ardire di esclamare: “ siamo figli e successori di una generazione politica che ha dato tanto a questa città facendola cresce a dismisura e dando lavoro a tutti”. Orbene, va detto altresì che le su citate parole, suonano come una tromba del giudizio a suo sfavore e con lui a chi ha voluto chiudere gli occhi dinanzi a cotanta strafottenza politica che ha fatto di questa città il vessillo o l’icona della ingordigia politica. Uno sfruttamento edilizio che non ha tenuto conto della problematica legata all’urbanizzazione e ad una crescita ad essa collegata, lasciando il territorio così come lo aveva lasciato nella sua ultima bonifica Ferdinando II di Borbone. Una bonifica del territorio ed una ristrutturazione retro-datata di almeno 200 anni. Qui non si dimenticano i missini, ovvero i post fascisti, che negli anni 60, conferivano il voto alla maggioranza, checchè oppositori in giunta ed in consiglio comunale, pur di ottenere una licenza edilizia tanto da poter edificare qualche fabbricato per una attività commerciale. Che vergogna. Oggi tutto viene palesato da quella “industria politica” che smaschera di netto l’abbandono verso il territorio cittadino. E’ bastata una mezza mattinata di pioggia, a mettere in crisi totale, una intera città. Quella che oggi è divenuta la vergogna della piana del Sele. Unitamente alle amministrazioni degli ultimi 30 anni, che hanno consentito lo scempio urbanistico senza nessuna accortezza per una rete fognaria adeguata e capace di smaltire le acque. Zona industriale completamente allagata; così come viale della libertà e per non parlare della zona adiacente all’area del cimitero, dove un fiume di acqua scorre verso il centro cittadino, con acque di un colore marrone da rabbrividire la pelle. Sottopasso allagato, ma non è una novità. L’opera consegnata solo un anno fa, ….beh, lasciamo stare. Una città in ginocchio. Si odono solo sirene di Vigili del fuoco. Città limitrofe, di contro, pur se attraversate da questo fenomeno atmosferico, non hanno avuto allagamenti nelle case e nelle attività commerciali. Battipaglia ha avuto tutto. Una città completamente paralizzata.  Un disastro. Ora gradiremmo almeno che chi ha avuto l’ardire di chiamarsi successore di politici che nel passato hanno dato lustro alla città, facessero il mea culpa e chiedessero scusa alla città tutta, in quanto è stato dimostrato il contrario di quanto affermato. Una connivenza tra politica e privato saltata fuori tutta d’un colpo. Quella politica ha consentito lo scempio ambientale. Oggi viviamo quel massacro. Una città cupa, una città affondata nelle sue acque e nella sua vergogna politica passata. Si dibatte per le aree di crisi, per la distribuzione di incarichi e quant’altro. Certo, in politica ci sta tutto; ma c’è in primis l’esigenza di una città genuflessa alle intemperie del passato politico che si porta sul groppone. Da qui deve iniziare questa amministrazione, prima di divergere i suoi interessi politici, verso  commissioni e incarichi. Forse si deve costruire anche qui il MOSE, proprio come a Venezia. La giunta Francese, prenda atto di quanto accaduto; si è trovata di fronte ad una realtà tremenda: una realtà che ha palesato tutte le manfrine politiche da almeno 40 anni. Ma la città ha un futuro come su detto: e Aznavour cantava,” come è triste Venezia”. Beh, non aveva considerato Battipaglia. Sarà la nostra una città dal grande futuro acquatico. Una seconda città nell’acqua come Venezia. Viva Battipaglia, viva Battipaglia. Ma anche io ho fatto le elementari alla De Amicis.  

San Vito Positano – Battipagliese. I convocati da Tudisco

La Battipagliese1929, in occasione della gara di campionato contro il San Vito Positano, valevole come quinta giornata del campionato di Eccellenza, girone B, in programma domenica alle ore 10.30 presso l’impianto sportivo “Vittorio De Sica” di Positano, rende noto l’elenco dei convocati del tecnico bianconero Ciccio Tudisco:

PORTIERI: De Luca, Serretiello (’97)

DIFENSORI: Consiglio, Criscuolo, Fariello, Fiorillo, Franco (99), Pastore, Putzolu (99)

CENTROCAMPISTI: Bifulco (98), Bovi, Cascone, Guerrera, Marmoro, Rago (98), Siano

ATTACCANTI: Campione, Dell’Arciprete, Di Ruocco, Doukoure Amara (97), Maiese, Maiuri (98), Volpe

INDISPONIBILI: Vitiello (infortunato)

  • Pubblicato in Sport

Battipaglia, convocato tavoli tecnico per l’Area di Crisi Industriale

La sindaca di Battipaglia Cecilia Francese ha convocato per venerdì 7 ottobre alle ore 10:30 a Palazzo di Città il tavolo tecnico per chiedere l’inserimento della Piana del Sele tra le aree di crisi industriali non complesse della Regione Campania.

Al tavolo tecnico sono stati invitati: il presidente della Provincia di Salerno Giuseppe Canfora, il sindaco di Bellizzi Domenico Volpe, il sindaco di Eboli Massimo Cariello, il sindaco di Capaccio Paestum Italo Voza, l’assessore regionale alle attività produttive Amedeo Lepore, il presidente di Confindustria Salerno Mauro Maccauro, il presidente della Camera di Commercio di Salerno Andrea Prete, il segretario generale della Cgil Arturo Sessa, il segretario generale della Cisl Matteo Buono e il segretario generale della Uil Gerardo Pirone.

            Nel corso del tavolo tecnico sarà discusso e sottoscritto un documento d’impegno alla richiesta di stato di area di crisi industriale per l’intera Piana del Sele che sarà condiviso con la Regione Campania.

            Intanto la Giunta Comunale ha approvato una delibera proprio per chiedere lo stato di Area di Crisi Industriale per la Piana del Sele. Le premesse della delibera saranno parte integrante del documento che sarà discusso nel corso del tavolo tecnico.

            Sarà convocato anche un Consiglio Comunale monotematico sull’Area di Crisi in cui sarà discussa la delibera di Giunta per l’approvazione anche da parte dell’assise cittadina.

            L’iniziativa di inserimento della Piana del Sele tra le aree di crisi industriale non complesse sarà anche al centro di una iniziativa della Cgil che riunirà i quadri e dirigenti provinciali proprio al Comune di Battipaglia il prossimo 7 ottobre 2016 presso il Salotto Comunale.

            «Stiamo insistendo su questo tema – afferma la sindaca di Battipaglia Cecilia Francese – anche grazie all’appoggio degli industriali e dei sindacati. E Battipaglia venerdì sarà al centro della discussione provinciale e regionale sull’ipotesi di inserire la Piana del Sele tra le aree di crisi industriali non complesse. Il nostro impegno è quello di chiedere l’area di crisi per la nostra area territoriale proprio mentre si stanno ridisegnando queste zone, coinvolgendo i sindaci del comprensorio, gli industriali, i sindacati, la Regione, Provincia e la Camera di Commercio. Si tratta di un’occasione irripetibile per lo sviluppo futuro della Piana del Sele». 

Battipaglia per quattro giorni sarà la casa del cinema gastronomico con Cinecibo Festival

Partirà il 6 ottobrepresso l’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia, e durerà fino al 9, la quinta edizione di Cinecibo, il festival del cinema a gastronomico che si propone di valorizzare la corretta alimentazione e il cinema di qualità attraverso una competizione tra opere audiovisive. L’organizzazione e la direzione artistica sono affidate a Donato Ciociola, la presidenza a MichelePlacido.

Tra le attività previste nel programma, oltre alle consuete proiezioni e incontri con attori e registi, segnaliamo la mostra permanente “Ciak si mangia: la storia del cinema a tavola”: 31 fotogrammi legati al cinema gastronomico,in mostra scene di culto del cinema legate al cibo, entrate a far parte per sempre dell’immaginario collettivo.

Molte le attività legate alla gastronomia, tra queste ricordiamo il contest che vedrà in competizione i ragazzi degli istituti alberghieri di Napoli, Avellino, Battipaglia, Capaccio e San Valentino Torio. Con tale iniziativa Cinecibovuole stimolare nei giovani la conoscenza reciproca e la riscoperta della tradizione identitaria attraverso la creatività in cucina.La voglia di crescere, imparare e dimostrare il proprio talento è il filo conduttore di questo momento, che consisterà nella preparazione di un primo piatto e la guarnizione di un dolce. I ragazzi avranno a loro disposizione solo un’ora di tempo per presentare i piatti alla giuria. Al termine si terrà la premiazione della scuola vincitrice da parte di una giuria esperta nel settore gastronomico, e da giornalisti, attori, registi, chef.

Malore in treno, anziana salvata da un Carabiniere della Compagnia di Battipaglia

Lo scorso mercoledì,  sul treno proveniente da Napoli per Sapri delle 13.50, all’ altezza di Salerno un’ anziana signora ha perso conoscenza. Nella carrozza era presente un carabiniere della Compagnia di Battipaglia libero dal servizio che è intervenuto prontamente, prestando i primi soccorsi e contattato la stazione Polfer di Battipaglia. Gli ispettori  Angelo Pironti e Giancaleone hanno allertato il 118 fornendo le prime indicazioni sullo stato di salute della donna e  hanno coordinato le operazioni di soccorso con la stazione di Pontecagnano, dove il treno ha potuto effettuare la prima sosta utile. Arrivati nello scalo, gli operatori sanitari hanno preso in consegna la donna e trasportandola al vicino nosocomio, dove ha ricevuto le cure del caso. Grazie all’intervento dell’Appuntato Scelto dei carabinieri e alle indicazioni  degli Ispettori Pironti e Giancaleone, che hanno fornito tutte le indicazioni al personale del 118 e della stazione di Pontecagnano, la donna è stata soccorsa nel minor tempo possibile evitando tragiche complicazioni. 

Battipaglia. La Convergenze esce dai play off tra gli applausi dai play off

Riga “Stagione straordinaria”

“Stagione straordinaria”, dopo gli applausi del pubblico dello Zauli queste le due parole utilizzate da coach Massimo Riga. In modo diverso, a fine partite, entrambi hanno raccontato il campionato della Convergenze Givova Battipaglia. Campionato che si chiude in gara 2 dei quarti di finale di playoff contro le campionesse uscenti del Famila Schio.

Ma l'impegno non è mancato, sin dall'inizio. Gray e Boyd piazzano le prime triple di giornata e siamo subito 8-3. Vantaggio che, sempre dal perimetro, Tagliamento ridarà alle Lady dopo la “bomba” di Anderson che inizia a scaldare la mano. A 09'40" invece ci pensa Masciadri a colpire dall’arco, ma negli ultimi due possessi ecco i piazzati di Gray e Zandalasini per il 19 pari. Proprio l’azzurra apre anche il secondo quarto, ma Gray non ci sta e risponde con cinque punti nella metà campo offensiva ed un paio di stoppate in quella difensiva (chiuderà con 17 punti, 24 rimbalzi, 3 stoppate e 34 di valutazione). Ma Anderson ormai è calda. Dopo il sorpasso di Yacoubou, arrivano due canestri da tre della guardia americana per il massimo vantaggio (28-39).

Ma la Convergenze vuole giocarsela fino alla fine, ed è così che sarà. Bonasia apre la ripresa con una tripla, Gray e Tagliamento vanno a segno in momenti diversi ma sempre per il -4. Treffers invece, con un movimento che manda in crisi il diretto avversario, realizza i due punti nel pitturato che valgono il -2. Ma dopo aver accusato la reazione delle biancoarancio, Schio ritorna a produrre nell'altra metà campo. Sottana, Zandalasini e Masciadri costruiscono il 30-39 di fine terzo quarto. La gara, però, è sempre in bilico. A cinque dalla fine siamo 59-64, merito di due triple dall'angolo di Ramò. Un minuto più tardi è 62-66, Treffers vola in contropiede e costringe Mendez alla sospensione. Soltanto al 39' viene chiusa la pratica dalle ospiti, ma sono solo applausi per la Convergenze. Tanti applausi: "Tutti meritati vista la grande stagione che abbiamo disputato – ammette Riga -.Volevamo una gara 2 viva e ci siamo riusciti, la chiusura migliore per un’annata dove abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che c’eravamo prefissati".

CONVERGENZE GIVOVA BATT.-FAMILA SCHIO 64-72 (19-19, 30-39, 51-60)

Convergenze: Trimboli ne, Orazzo 2, Tagliamento 11, Bonasia 5, Treffers 17, Russo ne, Ramò 8, Trucco, Gray 17, Andrè, Boyd 4, Costa. Coach: Riga

Famila: Yacoubou 10, Gatti 2, Sottana 2, Battisodo ne, Anderson 22, Masciadri 6, Lisec ne, Walker 10, Zandalasini 10, Ress 6, Macchi 2, Bestagno 2. Coach: Mendez

Arbitri: Maffei-Costa-Bianchini

  • Pubblicato in Sport

Battipaglia. Avviati i lavori di realizzazione del collegamento della rete fognaria di Via Padova

L’ufficio tecnico comunale informa che sono stati avviati i lavori di realizzazione del collegamento della rete fognaria di Via Padova che consentirà di risolvere una annosa questione ambientale a causa degli scarichi non autorizzati provenienti dalle numerose abitazioni ivi presenti.

Sono pure in corso i lavori per la manutenzione idraulica del Tusciano, attraverso una intensa attività di dragaggio e la messa in sicurezza degli argini del fiume al fine di consentire il defluire delle acque all’interno delle sponde e migliorare il livello generale di sicurezza.
E’ stato anche aggiudicato l’appalto, per un importo di 1.250.000 euro, per la messa in sicurezza della sezione idraulica del fiume in corrispondenza del Ponte del Centenario ed è in corso, per lo stesso importo, la definizione dell’affidamento, presso la Stazione Unica Appaltante, dei lavori di sistemazione del Ponte di Via Clarizia.

Per quanto riguardai lavori per l’adeguamento tecnologico dell’impianto di depurazione di Tavernola, lerelative attività dovrebbero concludersi entro quarantacinque giorni.
In considerazione delle limitazioni tecniche alla funzionalità depurativa dell’attuale impiantoverrà adottato, a scopi precauzionali, un temporaneo divieto di balneazione.

A lavori conclusi il sistema depurativo dovrebbe funzionare a pieno regime e completarsi, anche per l’area interessata dal quartiere Belvedere, non appena verranno avviati i lavori di collegamento fognario al depuratore di Salerno previsti dal “Grande Progetto” della Provincia di Salerno che nei giorni scorsi è stato oggetto di affidamento dalla stessa Stazione Unica Appaltante.

Le iniziative volte al miglioramento ambientale potranno ricevere ulteriore impulso anche dall’attuazione del Contratto di Fiume, per la stipula del quale lo scorso martedì 19 aprile è stata raggiunta l’intesa fra i Comuni interessati e la Provincia di Salerno per la stesura di un progetto pilota.

Sottoscrivi questo feed RSS

Battipaglia