sabato, Giugno 25, 2022

Battipaglia. Oggi Ravello ricorda il ventennale della scomparsa di Italo Rocco

A 20 anni dalla scomparsa di Italo Rocco, l’autorevole testimone del secondo Novecento, sarà ricordato oggi alle ore 17 e 30 nella Pinacoteca del duomo di Ravello con l’intervento di Alfonso Andria sul tema:”La cultura, le istituzioni, il territorio”, mentre Carlo Di Lieto professore di italianistica presso l’Istituto Universitario “Suor Orsola Benincasa” di Napoli tratterà il tema:”Humanitas e senso dell’oltre nella poesia di Italo Rocco”; il critico e saggista Alessandro Di Napoli si occuperà della poesia di Italo Rocco tra meraviglia ed impegno civile” Saranno recitate alcune poesie dell’illustre scomparso. La manifestazione sarà condotta dall’avv.to Carmine Galdi. Italo Rocco nato nel cuore degli Alburni, nel paesino di Ottati, di cui ha sempre conservato il carattere fermo e deciso e l’amore per la natura, trasferendosi a Battipaglia alla vigilia del secondo conflitto sposando Aurora Galdi, prima donna laureata della città della piana; qui, con la consorte, diventa un faro di riferimento per le giovani generazioni, travolte dagli eventi bellici che avevano raso in enorme percentuale al suolo il centro abitato con l’istruzione pubblica paralizzata. L’amore per la cultura, la volontà di offrire una palestra libera per coloro che volevano dedicarsi alle varie manifestazioni letterarie, spinge Italo Rocco a dare vita ad una rivista letteraria dal titolo “Silarus” nome latino del fiume Sele nel 1961, all’ombra delle vestigia di Paestum, mentre era preside della scuola media locale: parte per due anni come numero unico della scuola che dirige con la realizzazione, tra l’altro, di una prima guida in lingua francese per visitare le rovine di Pesto, poi, mattone dopo mattone, con la caparbietà della gente d’Alburni continua e la morte lo coglie attivo nella preparazione del fascicolo 207. La rivista da lui fondata continua ancora oggi, con immutata cadenza bimestrale,sotto la guida dei figli Lorenza e Pietro. Ma la poliedrica genialità di Italo Rocco sul percorso di determinare cultura non si ferma alla rivista, che dal 1967 consegue il riconoscimento da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri ma va ben oltre dando vita ad un premio letterario di saggistica, narrativa e poesia che ha raggiunto e superato le nozze d’oro.


Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli