sabato, Ottobre 24, 2020
Home SPORT DALLA PROVINCIA

SPORT DALLA PROVINCIA

Flop Napoli, al San Paolo passa l’Az Alkmaar

Il Napoli stecca alla prima uscita in Europa League, finisce 0-1 contro l’Az Alkmaar. Una clamorosa sconfitta contro un modesto avversario che...

Europa League, Napoli-Az Alkmaar si gioca. Mertens rinnova Gattuso

“Mi piacciono gli allenamenti, il mister chiede tanto ai calciatori e vedo i giocatori crescere tanto. È quello che può fare la...

New Cap 74 – Salernitana femminile finisce 3-1. Esordio amaro per le granatine

Il pallone ritorna a rotolare. L’esordio riserva alle granatine di mister Pannullo la trasferta contro la neopromossa New Cap 74. La prima conclusione...

Calcio. Seconda Categoria: sorridono le battipagliesi

Inizia bene la stagione delle battipagliesi impegnate in Coppa Campania di Seconda Categoria. Affermazione interna per il Battipaglia Soccer, che rifila sette...

C’è anche il Napoli per lo Scudetto! Poker all’Atalanta

Show del Napoli contro l’Atalanta con un netto 4 a 1. Gli azzurri asfaltano la squadra di Gasperini nel primo tempo con...

Napoli-Atalanta ad alta quota con Osimhen e Bakayoko

Il Napoli torna in campo dopo quasi tre settimane in quel di Fuorigrotta e sfida l’Atalanta di Gasperini. Osimhen e Bakayoko scalpitano:...

Calcio. Seconda Categoria: le battipagliesi ai nastri di partenza

In attesa dell'inizio del torneo di Seconda Categoria, sono diverse le società battipagliesi impegnate in Coppa Campania. Il Comitato Regionale ha stilato...

O.ME.P.S. BricUp. Al PalaBrera, è Broni ad imporsi 86-76.

Al PalaBrera, nell’incontro valevole per la terza giornata del campionato di Serie A1 “Techfind” una O.ME.P.S. BricUp Battipaglia fortemente rimaneggiata (Melgoza out per infortunio, Hersler unica straniera presente) e splendida per due quarti e mezzo cala nettamente nel finale rinviando ancora l’appuntamento con la prima vittoria stagionale. Al PalaBrera, è Broni ad imporsi con il punteggio di 86-76.  

La cronaca.

Partenza entusiasmante per Battipaglia: due triple di Bocchetti e Potolicchio e un canestro dall’area di Hersler fanno volare immediatamente le biancoarancio sul +8 (0-8). E la O.ME.P.S. BricUp, motivata e concentratissima, insiste: Potolicchio e Bocchetti, scatenate, provano a mandare in fuga le ospiti che, a metà frazione, sono sul +10 (7-17). Nella seconda metà del periodo, tanti canestri e tanto spettacolo. Broni ci prova a riavvicinarsi a Battipaglia, ma le biancoarancio respingono prontamente tutti gli assalti. Al 10′, una splendida O.ME.P.S. BricUp è avanti di 8 (21-29).

Ad inizio secondo quarto, Battipaglia incontra le prime difficoltà della giornata e le padrone di casa ne approfittano per ridurre considerevolmente il proprio gap (26-29 al 13′). La O.ME.P.S. BricUp (già ridotta all’osso) fa, fisiologicamente, fatica a tenere gli stessi ritmi del primo periodo, ma l’ardore e la concentrazione restano a livelli più che apprezzabili, così come apprezzabile è l’atteggiamento delle giovani Mattera e Opacic: il match, nella seconda parte del secondo quarto, è intenso ed equilibrato anche grazie a Broni che, aggrappata ad una splendida Madera, è in scia alle ospiti. All’intervallo lungo, Battipaglia è ancora avanti, ma con appena 3 punti di margine (41-44).

Ad inizio terzo quarto, il copione è il medesimo: equilibrio e spettacolo. Poi, a partire dal minuto 24, Broni, d’improvviso, accelera e, con due triple consecutive (firmate da Kizer e Castello) prima aggancia e poi sorpassa le ospiti (51-48 al 24′). Il match svolta di colpo. La O.ME.P.S. BricUp appare molto stanca e poco lucida e comincia a commettere diversi errori (specie in difesa). Le padrone di casa ne approfittano prontamente e volano rapidamente sul +9 (57-48). Nell’ultima parte del terzo periodo, Battipaglia ci prova anche a reagire, ma le pavesi, ora, sono incontenibili. Al 30′, Broni è avanti di 11 (65-54).

In un film già visto tante volte, negli anni più recenti, Battipaglia prima fa sognare poi, sul più bello, si spegne. L’impegno non manca, ma, come troppo spesso avvenuto in queste travagliate stagioni, non basta per portare a casa la vittoria. La O.ME.P.S. BricUp, con orgoglio e con la forza della disperazione, ci prova a riaprire il discorso, ma oramai la lucidità e la concentrazione (specie in difesa) sono ridotte ai minimi termini e Broni segna a ripetizione: la solita scatenata Madera ed anche le giovanissime Castello e Parmesani tengono le biancoarancio a distanza di sicurezza regalando alla squadra di casa la seconda vittoria stagionale con il punteggio di 86-76. Per la O.ME.P.S. BricUp Battipaglia (che paga le numerose assenze – anche se Broni, va detto, non è che fosse messa molto meglio) il solito bicchiere più mezzo vuoto che mezzo pieno: Bocchetti, Hersler e, soprattutto, un’eccellente Potolicchio firmano ben 60 punti in tre, ma i due punti in palio sfuggono per l’ennesima volta e, per invertire un’inerzia che, drammaticamente, comincia a somigliare a quelle delle passate stagioni, si attendono buone notizie dal mercato e dall’infermeria.

RISULTATO FINALE

Pallacanestro Femminile Broni – O.ME.P.S. BricUp Battipaglia 86-76 (21-29; 41-44; 65-54; 86-76)

TABELLINO DEL MATCH 

Pallacanestro Femminile Broni

Togliani A. 16, Rulli 8, Parmesani 13, Madera 22, Soli 2, Orazzo N.E., Ianezic 5, Castello 14, Roma N.E., Lavezzi N.E., Kizer 6, Capra N.E. Coach: Fontana.

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia 

Olajide 2, Mazza 4, Potolicchio 19, Hersler 22, Bocchetti 19, Logoh 2, Opacic 2, Dione N.E., Mattera 6, De Rosa. Coach: Piazza.

Hippo Basket Salerno, lettera aperta alle istituzioni ed alla cittadinanza

L’indisponibilità delle palestre scolastiche e di strutture alternative mette a rischio l’attività delle società

Salerno, 9 ottobre 2020. Abitualmente, il Minibasket della Hippo Basket Salerno oggi avrebbe festeggiato l’inizio della seconda settimana di attività. Tra riapertura delle scuole, collegi dei docenti, assegnazioni delle palestre da parte degli enti preposti, suddivisione degli orari tra gli aventi diritto e via discorrendo, l’avvio delle attività dei più piccoli è abitualmente fissato per l’inizio di ottobre. I più fortunati, quelli del Settore Giovanile e della Prima Squadra, probabilmente sarebbero stati in campo già da un mesetto, tra preparazione fisica, attività all’aperto, campi di fortuna e deroghe varie.

Oggi, 9 ottobre 2020, il Minibasket non è ancora ripartito e, purtroppo, rischia di non ripartire. Non solo per la Hippo Basket Salerno, ma per tante, tantissime società della provincia di Salerno e di tutta la Campania. Praticamente tutte quelle le cui attività erano ospitate (appunto, erano!) dalle palestre scolastiche. E i ragazzi di Prima Squadra e Settore Giovanile si stanno sì allenando, ma solo all’aperto, almeno fino a quando il meteo lo permetterà.

Tutte le palestre nelle quali la società del presidente Giosafat Frascino ha svolto attività negli ultimi anni, rimettendo in sesto strutture obsolete o del tutto abbandonate, restituendole quindi alle scuole rivalutate, non sono ad oggi disponibili. Non solo, tutti i campi omologati per ospitare gare di campionato in città non sono utilizzabili.

I presidi, alle prese con l’avvio dell’anno scolastico più complicato della storia recente, a causa della pandemia in corso non se la sentono di assumersi la responsabilità di concedere le strutture ad associazioni esterne, negli orari pomeridiani. In alcuni casi, le palestre vengono utilizzate per fini diversi (aule, spazi per compiti in classe, luogo per isolare alunni che presentino condizioni di salute “sospette”). Nulla che riguardi quello per cui sono state create, l’attività fisica, considerata “rischiosa”.

Gli enti proprietari dei locali che ospitano le scuole (a Salerno sono la Provincia per le superiori, il Comune per medie ed elementari) fanno “spallucce” e non riescono a dare risposte concrete ai club che, da mesi, chiedevano di organizzare spazi alternativi (recuperando strutture in disuso o attrezzando aree inutilizzate, coprendo campi all’aperto e via discorrendo). Nulla.

Senza dimenticare che l’unico “Palazzetto”, pardon “Palestra per la Pallacanestro”, il “PalaSilvestri”, è chiuso da quando è iniziata la pandemia, nonostante un bando emanato in estate dall’amministrazione comunale, di cui ancora non si conosce l’esito. Ora, a quanto pare, le porte dell’impianto di Matierno potrebbero riaprirsi con una gestione temporanea da parte del Comune.

Insomma, mentre il Comitato regionale della FIP Campania chiede, entro il 15 di ottobre, di ratificare le iscrizioni ai campionati di competenza, la Hippo Basket Salerno ancora non ha una “casa”; non sa se e dove potrà fare Minibasket; non sa se e dove potrà portare avanti l’attività giovanile; non sa se e dove potrà portare avanti il discorso con i “senior” e con gli irriducibili “Veterani”.

Ciò ha delle conseguenze. Più di 120 bambini (tra Salerno centro, Fuorni e Giovi) non sanno se potranno riprendere a praticare il loro gioco-sport preferito, quello che gli permette di fare pratica sportiva, di non stare davanti ad uno schermo, di imparare a rispettare le regole e a convivere con i coetanei. Quasi 100 ragazzi, quelli che gli amministratori e gli educatori dovrebbero avere interesse a tenere lontani dalle strade, dalle cattive compagnie, consentendo loro di crescere in maniera sana, attendono di sapere se potranno allenarsi in strutture adeguate e disputare i campionati di categoria. Una quarantina di persone, tra Prima Squadra e “Over 40”, spera di poter continuare a sognare e a divertirsi, giocando a pallacanestro.

E i loro familiari, altre 3/400 persone, che abitualmente seguono e sostengono le iniziative della Hippo Basket Salerno, fanno il tifo perché tutto ciò possa avvenire.

Ma il rischio che quanto esposto si debba fermare, non solo a causa del Covid, ma anche per paura, ignavia, scarsa conoscenza delle dinamiche cittadine, poco interesse a quella che dovrebbe essere una tematica primaria, è concreto.

Perciò la Hippo Basket Salerno si pone delle domande.

Cosa pensa di fare al riguardo la Federazione Italiana Pallacanestro, a livello nazionale? E la FIP Campania a livello territoriale? Come intendono affrontare la questione le istituzioni (Regione, Provincia, Comune, Provveditorato agli Studi)?

La società del presidente Frascino, tutti i suoi oltre 200 tesserati ed i loro familiari, attendono educatamente e rispettosamente delle risposte.

edil maurizio

“Pink is better league”: Todis Salerno ’92 a Roseto per un quadrangolare di livello

Oltre alle padrone di casa delle Panthers, le granatine sfideranno anche Ancona e Terni.

Si chiama “Pink is better league” ed è un quadrangolare amichevole con squadre di pari categoria attrezzate per il grande salto. La Todis Salerno ’92 è pronta a parteciparvi nel weekend del 10 e 11 ottobre al PalaMaggetti di Roseto degli Abruzzi (TE) assieme a Basket Girls Ancona, Pink Basket Termi e alle padrone di casa di Roseto. Tutte militano in Serie B con ambizioni di promozione. Proprio contro le Panthers Roseto ci sarà la prima partita delle granatine domani – sabato 10 ottobre – alle 19. Due ore prima ci sarà la sfida tra Ancona e Terni. Domenica pomeriggio, invece, le finali: alle 16 quella per il terzo e quarto posto, alle 18 per giocarsi la vittoria assoluta

Il precampionato entra nel vivo per la compagine di Aldo Russo, finora vittoriosa nelle due amichevoli disputate contro altre pari categoria, Polisportiva Battipagliese e Basilia Potenza. “Sarà un torneo che ci aiuterà a fotografare il nostro stato attuale di preparazione e verificare i progressi. Incontreremo squadre importanti, costruite per il salto di categoria. Mancano tre settimane all’inizio del campionato e disputare queste partite non potrà fare che bene alle ragazze per prendere coscienza di ciò che va e ciò che invece occorre aggiustare”, ha detto il direttore generale della Todis Salerno ’92, Bruno Pacifico.

Sugli spalti del PalaMaggetti potrà essere presente un massimo di cento spettatori, tutti ovviamente muniti di autocertificazione e con ingresso su prenotazione gestito dalla società di casa. Le partite della “Pink is better league”, tuttavia, saranno trasmesse anche in diretta sulla pagina Facebook delle Panthers Roseto.

[widgetkit id="18" name="InFamily"]

La Feldi Eboli Calcio a 5 presenta la stagione 2020/2021

Si è svolta ieri mattina presso il Palasele di Eboli, la conferenza stampa di presentazione della stagione 2020/2021 che vedrà la Feldi Eboli disputare per la quarta volta consecutiva il campionato di massima serie di futsal italiano.

L’incontro ha visto la presenza sia della dirigenza rossoblù composta dal presidente Gaetano Di Domenico, dal direttore tecnico Marcello Serratore, dal direttore generale Sergio Russo e dal medico sociale Lazzaro Lenza, sia della rosa al completo guidata dal neo mister Alberto Riquèr e dal capitano Sergio Romano. Presente anche il sindaco di Eboli, Massimo Cariello.

UNA NUOVA STAGIONE – A pochi giorni dall’open day dove il prossimo 10 ottobre le volpi ebolitane affronteranno a Salsomaggiore il Petrarca Padova, squadra degli ex Boaventura e Fornari, il presidente Di Domenico ha sottolineato come l’entusiasmo e la passione che lo ha contraddistinto in questi anni non sia mai scemato, anzi: “Iniziamo questo nuovo percorso felici e motivati, con un organico rinnovato sia nello staff tecnico che in quello comunicativo. La nostra squadra è stata arricchita di giocatori già affermati e di giovani talenti ‘promossi’ direttamente dalla nostra cantera. Siamo molto felici delle scelte fatte”

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il d.t. Marcello Serratore che ricorda come dal suo approdo in squadra 5 anni fa, di strada ne è stata fatta tanta: “Sembrava una scommessa quella di arrivare in Serie A e vederci oggi a voler lottare per le posizioni di vertice sapendo che tanti giocatori da tutta Italia vogliono giocare per la Feldi Eboli è sinonimo di grande successo per questa società e motivo di grande orgoglio per il lavoro fatto”

UN’OFFERTA MEDIATICA SPETTACOLARE - La Serie A vedrà 14 squadre partecipanti, con ben 3 derby campani grazie alla presenza nella massima serie anche della Sandro Abate Avellino e del Real San Giuseppe Vesuviano. Le gare casalinghe della Feldi si disputeranno il venerdì sera e saranno visibili sulle piattaforme social e web della società ma anche in TV. Infatti grazie alla partnership con Stile TV e alla collaborazione con PMG Sport Futsal sarà possibile seguire le foxes sul canale 619 del digitale terrestre. Inoltre, anche Rai Sport seguirà la Serie A C5 con le telecamere nazionali che sbarcheranno più volte al Palasele.

IL PRIMO CAMPIONATO POST COVID – La nuova offerta mediatica è stata una scelta importante e ponderata per offrire ai tifosi il meglio da questa stagione particolare, segnata fino a nuove disposizioni dall’impossibilità di seguire la squadra dal vivo: “Non lasciamoci scoraggiare dal covid e ripartiamo con la mentalità giusta – rassicura il d.g. Sergio Russose il pubblico non potrà venire da noi, andremo noi dai nostri tifosi cercando di non fargli mai mancare il calore di questa società”. Proprio inerente all’emergenza sanitaria ancora in atto, è il medico sociale Lazzaro Lenza a tracciare un quadro completo della situazione e delle importanti precauzioni adottate dalla società, ancora una volta lungimirante e in anticipo sui tempi: “La scelta del Palasele è stata strategica perché ci consentirà, aspettando il DPCM, di poter accogliere i nostri tifosi e controllare il tutto con maggiore sicurezza. Stiamo lavorando tanto anche dal punto di vista della sicurezza dei nostri futsaleri con tamponi rinofaringei ogni 20 giorni per tutti. Il presidente, ancora una volta ha messo la sicurezza e la salute dei suoi ragazzi in cima alle priorità”

NUOVE MOTIVAZIONI, NUOVE SFIDE - Carichi e pronti a scendere in campo il plurititolato mister Alberto Riquèr, campione del mondo e d’Europa con la nazionale spagnola e il capitano Sergio Romano, terzo anno alla Feldi e con alle spalle centinaia di presenze con la Nazionale Italiana, emozionati per il ritorno in campo come se fosse una nuova prima volta: “Sarà come tornare da un lungo infortunio, dopo 6-7 mesi senza partite ufficiale la voglia di giocare è tanta. Abbiamo voglia di ripartire e sarà il campo a dire chi siamo e cosa possiamo fare”, spiegano.

Oltre alla prima squadra, la Feldi Eboli scenderà in campo anche con l’Under 19 nazionale, guidata da Mauricio De Andrade (già vice di Riquèr) e con l’Under 17 regionale, allenata da Gennaro Rimoli. Inoltre, prosegue il progetto di integrazione tra calcio a 11 e calcio a 5 con la scuola “Calcio&Futsal”, sotto la responsabilità di Orazio Di Stefano.

Infine, applausi e un po’ di emozione al momento della presentazione della rosa 2020/2021 e delle nuove maglie da gara che hanno già riscontrato un enorme successo sui social. La prima maglia segue i colori sociali rosso e blu, con trama unica. La seconda, è a sfondo bianco con vere e proprie pennellate rossoblù. La terza maglia, infine, è un omaggio alla città di Eboli della quale riporta lo skyline, a sottolineare l’unione di questa società con la realtà del territorio.-

Un omaggio apprezzato anche dal sindaco di Eboli, Massimo Cariello, che ha chiuso la conferenza stampa: “Questa società e il presidente Di Domenico sono un orgoglio per la nostra città, tanti sacrifici e sudore hanno portato a risultati fantastici. Ci teniamo stretti lui e questa realtà, soprattutto in un momento del genere dove c’è bisogno dello sport. Non mi sorprende che giocatori da tutta Italia vogliano venire qui, anche perché chi va via se ne va sempre con le lacrime agli occhi. Infine, auguro a mister Riquèr di allungare il suo CV di successi con i colori della Feldi Eboli”

Ora la palla passa al campo con l’appuntamento fissato per il prossimo 10 ottobre a Salsomaggiore: Padova Petraca-Feldi Eboli, 1° giornata del campionato di Seria A Futsal.

[widgetkit id="18" name="InFamily"]

L’ O.ME.P.S. BricUp Battipaglia cede il passo a Famila Wuber Schio

Al PalaZauli, nell’incontro valevole per la seconda giornata del campionato di Serie A1 “Techfind”, una O.ME.P.S. BricUp Battipaglia coraggiosa e bersagliata dalla sfortuna (Bocchetti out per infortunio, Melgoza infortunatasi a sua volta durante il match – da valutare le sue condizioni – e sempre priva di una straniera) fa ciò che può, con dignità ed orgoglio, al cospetto delle pluricampionesse d’Italia del Famila Wuber Schio che si impongono con il netto punteggio di 43-77. 

La cronaca.

La Battipaglia di questa sera è tutta un’altra cosa rispetto a quella timida di Sassari: coraggiosa, intraprendente, piena di voglia di fare. L’inizio lo dimostra con nitidezza: a metà frazione, guidata da un’eccellente Melgoza (5 punti nei primi 5 minuti), le biancoarancio sono sul +3 (10-7). Schio, ovviamente, ha classe ed esperienza tali da non farsi intimidire ed imbastisce un’immediata reazione grazie alla quale ribalta il punteggio con un margine, però, non tale da rappresentare già un’ipoteca sulla vittoria (6 punti). La O.ME.P.S. BricUp, insomma, c’è eccome, anche se i 3 falli già fischiati a Melgoza preoccupano e non poco. Al 10′, Il Famila è avanti 14-20.

Nel secondo quarto, ecco manifestarsi i primi problemi per una Battipaglia ridotta all’osso. Il match sembra incanalarsi su binari chiari: c’è Schio che, facendo leva sullo strapotere fisico e sulla diffusa qualità (molto bene Gruda, Keys e, in special modo, De Pretto), controlla senza patemi e allunga progressivamente e c’è Battipaglia che, con cuore ed orgoglio enormi, cerca di far fronte a notevoli avversità (una straniera che non c’è, una che c’è, ma è piena di falli e Bocchetti ferma in panchina a causa di un lieve infortunio). Il confronto, in queste condizioni, è improbo. All’intervallo lungo, le ospiti sono nettamente avanti (+19, 22-41).

Nel terzo quarto il canovaccio non muta. Il cuore e i problemi di Battipaglia, la classe e l’esperienza di Schio. Nella prima metà della frazione, il divario tra le due compagini non muta in maniera significativa (+22 Famila, 29-51). Da segnalare, le prove molto positive di una super combattiva Melgoza e di Potolicchio e Olajide che giocano con ardore e personalita. Poi, a un minuto dalla fine del terzo periodo, proprio Melgoza resta a terra (dopo, tra l’altro, un fallo fischiato a lei): le sue urla e le sue lacrime lasciano lo Zauli sgomento e profonda preoccupazione viste le già precarie condizioni generali nelle quali versa il roster biancoarancio. Intanto, le ospiti hanno ulteriormente allungato e, al 30′, hanno ben 32 punti di vantaggio (33-65). 

Oramai il match non ha nulla da dire e, più che sul parquet, i cuori dei tifosi sono concentrati sul provare a capire qualcosa sull’entità dell’infortunio di Melgoza. Nell’ultimo quarto, da segnalare, ci sono gli esordi in A1, per Battipaglia (che mette in campo a lungo, nell’ultima frazione, un quintetto tutto italiano e quasi totalmente composto daunder), di Dioma Dione (classe 2002 che si segnala subito per un’apprezzatissima stoppata) e Stefania Susca (classe 2004 che si toglie la soddisfazione dei primi punti in carriera in massima serie). Il finale, allo Zauli, premia nettamente le pluricampionesse d’Italia del Famila Wuber Schio che si impongono con il largo punteggio di 43-77.

TABELLINO DEL MATCH

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia – Famila Wuber Schio 43-77 (14-20; 22-41; 33-65; 43-77)

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia

Logoh 2, Melgoza 15, Olajide 9, Mazza 3, Hersler 4, Potolicchio 8, Opacic, Bocchetti N.E., Dione, Susca 2, Mattera, De Rosa. Coach: Piazza.

Famila Wuber Schio    

Cinili 5, Gruda 16, De Pretto 8, Harmon 12, Sottana 5, Keys 11, Viviani 2, Crippa 5, André 7, Trimboli 6. Coach: Vincent.

[widgetkit id="28" name="signoriello"]

Stay Connected

10,235FansMi piace
62FollowerSegui

Ultimi articoli

Olevano S.T., 2 casi di coronavirus. Il messaggio del sindaco Volzone (Video)

Coronavirus, il sindaco di Olevano Sul Tusciano Michele Volzone ha comunicato ai propri cittadini che sono risultati positivi 2 persone. I contagiati...

Coronavirus. 111 positivi in provincia di Salerno su 1.286 tamponi. 3 nuovi casi a Battipaglia

Aggiornamento serale dei dati sul contagio da coronavirus in provincia di Salerno. L’Asl Salerno ha appena comunicato che su 1.286 tamponi effettuati...

Coronavirus. Vincenzo De Luca chiede al Governo il lockdown totale.

Il Presidente della Regione Campania chiede al Governo nazionale il lockdown totale. "I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di...

Cava dei Tirreni, lunedì la proclamazione degli eletti al Consiglio Comunale

Cava dei Tirreni. L’Ufficio Centrale di Controllo, presieduto da Gustavo Danise, magistrato della Procura del Tribunale di Nocera Inferiore, sulla base delle...

Eboli. Amministrazione comunale impegnata nel contrasto al gioco d’azzardo

Deciso contrasto alle conseguenze patologiche del gioco d’azzardo, tutelando la salute dei cittadini e supportando le famiglie in difficoltà. Amministrazione comunale in...