venerdì, Aprile 23, 2021
Home AREA LEGALE

AREA LEGALE

Coa Salerno. Formazione professionale, oggi sulla “Evoluzione della responsabilità precontrattuale”

“Evoluzione della responsabilità precontrattuale: ambito di operatività, problematiche, danno risarcibile ed excursus giurisprudenziale”. E’ questo il tema de corso di formazione promosso...

L’avv. Corrado Spina: il contratto di Maradona portò al Napoli 140 miliardi di lire.

La morte di Maradona mi ha ricordato gli studi effettuati, circa 30 anni fa, durante la tesi di laurea in diritto sportivo,...

Avv. Corrado Spina. Le ultime dalla Cassazione. Autovelox, nel verbale va sempre indicato il decreto prefettizio

La Corte di Cassazione con Sentenza del 27ottobre  2020 n. 23551 ha stabilito che "In tema di sanzioni amministrative conseguenti al superamento...

Proroga cassa integrazione, l’avv. Spina sulle ultime novità

L’art. 12 del Decreto Legge 28 ottobre 2020 n. 137, ha stabilito un’ulteriore proroga per la Cassa Integrazione Guadagni (CIG) in deroga...

Rendita vitalizia, un sistema per salvaguardare la terza età

Le persone anziane possono avere bisogno di ricevere una prestazione vitalizia di denaro, periodica e continuativa, in cambio del trasferimento di un bene mobile, immobile o della cessione di un capitale, traendo beneficio dalle somme ricevute e reimpiegandole per le proprie necessità. La rendita vitalizia è il contratto con il quale un soggetto (vitaliziante) si obbliga a corrispondere a un altro soggetto (vitaliziato) una prestazione periodica di una somma di denaro o di una certa quantità di altre cose fungibili (la rendita), per tutta la durata della vita del beneficiario della rendita o di una o più persone indicate. La rendita può essere costituita anche a favore di più persone. Può anche essere costituita a favore di un terzo. Può inoltre essere costituita a titolo oneroso, o per donazione o per testamento. Con la rendita vitalizia a titolo oneroso il vitaliziante si obbliga a corrispondere al vitaliziato la rendita quale corrispettivo della cessione di un bene mobile, immobile (es. la casa d’abitazione) o di un capitale. In caso di mancato pagamento delle rate di rendita scadute, il vitaliziato non può richiedere la risoluzione del contratto, ma può far sequestrare e vendere i beni del vitaliziante affinché dalla vendita si ricavi una somma che assicuri il pagamento della rendita; una scelta dettata dalle finalità assistenziali che caratterizzano la rendita vitalizia. Il vitaliziato può chiedere la risoluzione del contratto se il vitaliziante non ha dato o ha diminuito le garanzie pattuite. Tuttavia le parti, a tutela del vitaliziato, possono prevedere la risoluzione del contratto in caso di inadempimento, anche inserendo apposita clausola o condizione risolutiva di inadempimento. Nella rendita vitalizia costituita per donazione il vitaliziato riceve la corresponsione della rendita mentre il vitaliziante non riceve alcuna controprestazione. La rendita vitalizia a titolo oneroso è un contratto aleatorio. Questo contratto pur non essendo espressamente previsto nel codice civile, è ammissibile in base al principio dell’autonomia privata.

Sicurezza nei cantieri: datore di lavoro sempre responsabile nonostante la presenza del capocantiere

L’imprenditore ha sempre l’obbligo di controllare la corretta applicazione del piano di sicurezza

La tutela del consumatore nei contratti a distanza prevista dal Decreto Legislativo n. 185 del 1999: il diritto di recesso.

L’art. 5 del Decreto Legislativo 185/1999 disciplina il diritto di recesso del consumatore nei contratti a distanza. Il cliente ha diritto di recedere, senza alcuna penalità e senza l’obbligo di specificarne il motivo, entro il termine di 10 giornilavorativi decorrente dal giorno di ricevimento del bene da parte del consumatore o, nelcaso di acquisto di un servizio, dal giorno della conclusione del contratto o, in entrambii casi, dal giorno del ricevimento della conferma scritta delle informazioni di cui all’art.4, purché entro tre mesi dalla conclusione stessa. Se il fornitore non ha soddisfatto l’obbligo di cui all’art. 4, il termine per l’esercizio del diritto di recesso è di tre mesi e decorre, per i beni, dal giorno del loro ricevimento da parte del consumatore e per iservizi, dal giorno della conclusione del contratto. Salvo diverso accordo fra le parti, il consumatore non può recedere dal contrattoa distanza se la fornitura del servizio acquistato ha già avuto inizio prima della scadenzadel termine di dieci giorni di cui sopra, se il prezzo dei beni o dei servizi acquistati è legato alle fluttuazioni dei tassi del mercato finanziario, se i beni sono personalizzati o rapidamente deteriorabili (per esempio, alimentari freschi) o per loro natura non possono essere rispediti (è il caso, ormai classico ed importantissimo, dei beni digitalizzabili acquistati e scaricati in FTP – File Transfer Protocol dal sito del venditore su Internet3, per es., musica, immagini, software, e-book o libri elettronici, ecc.), per la fornitura di quotidiani o periodici, per i servizi di scommesse o lotterie. Il diritto di recesso si esercita con l’invio, entro il termine previsto, di una comunicazione scritta all’indirizzo della sede del fornitore mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. La comunicazione può essere inviata anche con telegramma, telex o fax, ma deve essere confermata con raccomandata con avviso di ricevimento entro le 48 ore successive (art. 5, 4° comma). Esercitato il recesso, il consumatore deve restituire il bene già consegnato secondo le modalità ed i tempi previsti dal contratto. Il termine di restituzione non può essere inferiore a dieci giorni lavorativi decorrenti dalla data del ricevimento del bene. Le spese di restituzione del bene (di solito, spese di spedizione) sono le uniche a carico del consumatore. Il fornitore dovrà, invece, restituire al consumatore le somme da questo versate entro 30 giorni dalla data in cui è venuto a conoscenza dell’esercizio del diritto di recesso, vale a dire dal giorno del ricevimento della raccomandata A.R. o del messaggio inviato con gli altri strumenti di comunicazione sopra citati e poi confermato con raccomandata A.R. (art. 5, commi 5°, 6° e 7°).

Le polizze sulla vita non rientrano nell’asse ereditario

Il beneficiario può essere nominato anche a mezzo testamento

Stay Connected

11,309FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Campania. Maltempo, allerta meteo gialla

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di colore Giallo per piogge e...

Goleada Napoli che travolge la Lazio 5-2. Capolavoro Insigne, Mertens dedica speciale

Settima vittoria nelle ultime dieci partite in Serie A e 19 punti conquistati nei 12 scontri diretti con le big. Un girone...

Campania. Covid, quasi duemila nuovi casi, 26 vittime

Resta stabile il quadro dei contagi covid in Campania rispetto a mercoledì: i nuovi positivi sono 1.912, di cui 559 sintomatici, su...

Cava de’ Tirreni. Lavori in città, l’elenco delle strade interessate

Il comune di Cava de' Tirreni comunica che, per lavori di ampliamento dell'area d'intersezione, sono stati adottati dei provvedimenti di sospensione parziale...

Eboli. Piano S3: selezione per 17 figure professionali

Il Coordinatore dell’ufficio di Piano dell’ambito S3 Ex S5 comunica che è indetta una selezione pubblica, per soli titoli, di n. 17...