giovedì, Maggio 6, 2021

Goleada Napoli che travolge la Lazio 5-2. Capolavoro Insigne, Mertens dedica speciale

Settima vittoria nelle ultime dieci partite in Serie A e 19 punti conquistati nei 12 scontri diretti con le big. Un girone di ritorno con un passo da Scudetto, 29 punti secondi solo all’Inter. Il Napoli continua il suo cammino verso la Champions travolgendo la Lazio con una goleada.

I partenopei calano il pokerissimo al Maradona con un netto 5-2 ai biancocelesti in quello che era un vero e proprio spareggio per il quarto posto. Gattuso ingabbia l’enorme qualità del centrocampo della Lazio riscendo a concedere poco dominando il gioco.

Il match ha la sua sliding door al quinto minuto quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Manolas viene colpito alla testa da Milinkovic Savic. Il serbo va con la gamba altissima per rinviare il pallone ma prende tutto. Sul capovolgimento di fronte Lazzari va via in contropiede e viene messo giù da Hysaj nell’area azzurra.

L’arbitro Di Bello non fischia nulla, allora interviene Irrati al Var che manda il collega al on field review per il primo contatto in ordine cronologico, quello nell’area della Lazio. Solo dopo la visione dell’azione il fischietto pugliese concede il penalty agli azzurri tra le polemiche della panchina biancoceleste.

Insigne non si fa pregare e porta in vantaggio i suoi, da quel momento il Napoli ha il pieno controllo del match arrivando al raddoppio con Politano cinque minuti più tardi. L’ala azzurra sfodera una prestazione da urlo, onnipresente e pronto a strappare.

La ripresa si apre con due gol meravigliosi di Insigne e Mertens per momentaneo poker azzurro. Il capitano riparte in contropiede con l’aito di Hysaj per poi battere l’ex Reina. Un capolavoro dei suoi, un cioccolatino morbido e delicato che si infila nel set alle spalle del portiere.

Lo show continua con Ciro Mertens che servito, in una delle poche giocate illuminate di Zielinski, colpisce al volo da fuori area di prima intenzione trovando la via del gol sotto l’incrocio dei pali. Lo scugnizzo belga, quasi incredulo, si ferma e guarda al cielo scoppiando in un pianto commemorativo per la recente scomparsa della nonna.  

Zielinski, che ha stabilito il suo record di assist, otto, in una singola stagione in Serie A, commette una leggerezza e perde un pallone velenoso che Immobile manda in rete. L’altro Ciro non si smentisce e segna ancora una volta al Napoli dopo un match di grinta e qualità, un guerriero.

La Lazio ci crede e accorcia ulteriormente con una perla di Milinkovic Savic su punizione che porta il match sul 4-2. Gattuso lancia Lozano e Osimhen, con qualche minuto di ritardo, e l’accoppiata dei velocisti ci mette poco a lasciare il segno. Chucky ruba palla e va via sulla fascia, serve il bomber nigeriano che fa partire un destro mortifero per il definitivo 5-2.

I partenopei con la goleada alla Lazio legittimano quanto detto sul potenziale di una rosa, che se al completo, può giocarsela con tutti. Gattuso può sorridere per l’ennesima grande prova di classe di Fabian, padrone del centrocampo e di un Politano super che non fa rimpiangere Lozano, ancora con il freno a mano tirato.

Il Napoli è atteso lunedì a Torino, contro i granata mancherà Manolas per squalifica ma al suo posto sembra pronto e in palla Rrahmani. Mertens con 102 gol segnati ha eguagliato Antonio Vojak come miglior marcatore con la maglia del Napoli nella storia della Serie, il Torino è avvisato.

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas (71′ Rrahmani), Koulibaly, Hysaj; Fabian Ruiz, Bakayoko (89′ Lobotka); Politano (72′ Lozano), Zielinski (82′ Elmas), Insigne; Mertens (72′ Osimhen). Allenatore: Gattuso.

LAZIO (3-5-2): Reina; Marusic, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic (83′ Akpa Akpro), Leiva (58′ Cataldi), Luis Alberto (64′ A. Pereira), Fares (65′ Lulic); Correa, Immobile (83′ Muriqi). Allenatore: Inzaghi (in panchina Farris).

ARBITRO: Di Bello di Brindisi.

MARCATORI: 7′ su rig. Insigne (N), 12′ Politano (N), 53′ Insigne (N), 65′ Mertens (N), 70′ Immobile (L), 74′ Milinkovic (L), 80′ Osimhen (N)

NOTE: Ammoniti Manolas, Ruiz, Mertens, Di Lorenzo (N); Milinkovic, Leiva, Immobile, A. Pereira (L). Recupero: 4′ pt, 3′ st.

Mauro De Santishttps://www.lapennadelpartenopeo.com/
Ciao sono Mauro, ho deciso di scrivere per me stesso. Solitamente le persone decidono di condividere i propri pensieri per gli altri, per un innata esigenza di approvazione. Ecco io devo sfamare unicamente la mia passione che a volte fatica a rimanere nelle consuetudini del buon giornalista. Amo lo sport, il calcio e la mia certificata fede partenopea. Dai campetti di periferia all’inchiostro di una penna… Cosa leggerete? Notizie, spunti, intuizioni. Uno sguardo analitico e tattico, un approccio professionale e passionale, a 360° sullo sport più bello del mondo. Giusto? Sbagliato? Interessante? Questo lo deciderete voi: “Si scrive soltanto una metà del libro, dell’altra metà si deve occupare il lettore” (Joseph Conrad)

Articoli simili

SEGUICI

11,419FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Napoli. 15enne accoltellato: fermato minorenne, tentativo di omicidio

Indagini lampo sul ferimento di un 15enne a Gragnano (Napoli), accoltellato in un'aggressione da parte di sei coetanei. E' stato fermato un...

Battipaglia – elezioni. Tozzi:” Francese e Visconti non all’altezza delle future sfide”

Ugo Tozzi di FdI, candidato a sindaco alle prossime elezioni amministrative, saluta con favore la notizia dell'allungamento della metropolitana leggera a Battipaglia...

Estate Covid-free, pass per i viaggi e isole ‘immuni’.

Il governo lavora per un'estate 'covid-free' in Italia, con il pass verde per i viaggi, valido anche per i turisti extra-Ue, e...

Campania. Covid, continua a calare la curva dei contagi

 Continua a calare, in Campania, la curva dei contagi. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione Campania, nelle ultime ore sono...

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia sconfitta a Broni, dopo 7 anni retrocede in A2

Dopo 7 stagioni, Battipaglia saluta l’A1. E lo fa mestamente, al termine di un doppio turno di play-out nei quali, a causa...