domenica, Giugno 26, 2022

Battipaglia. Capasso di Coscienza Sociale all’Amministrazione: serve un ricovero per i clochard

“Serve un ricovero per i clochard”. E’ questa la richiesta più volte fatta all’Amministrazione comunale da Coscienza Sociale (Laboratorio di formazione e partecipazione socio-politica dell’Azione Cattolica della parrocchia “S. Antonio di Padova” di Battipaglia). L’avvocato Marcello Capasso, coordinatore dell’associazione, ha espressamente segnalato all’ente locale la necessità di trovare un alloggio a chi non ha un tetto e vive per strada.

“Stiamo vivendo un momento delicato in cui la pandemia ha aumentato il divario tra ricchi e poveri, tra gente che naviga nell’oro e gente che, a stento, arriva a fine mese.

Oltre ai poveri che vivono nelle case della nostra Battipaglia, c’è un piccolo esercito di invisibili, di persone che sono ai margini della società, che hanno alle spalle una storia di solitudine, di problemi di salute o anche di detenzione carceraria e che non riescono più a reinserirsi in società”.

L’Avv. Capasso nei giorni scorsi ha nuovamente scritto alla sindaca di Battipaglia facendo rilevare che alla luce della recente eliminazione dell’aiuola di piazza Salvo d’Acquisto, uno dei luoghi di ritrovo dei senza tetto, ancor di più occorre individuare dei locali per accoglierli. “Per noi cristiani è un dovere – dichiara Capasso di Coscienza Sociale – pensare alle loro necessità e più volte abbiamo chiesto, soprattutto in pieno inverno quando il clima è più rigido, una sistemazione dignitosa per queste persone.

Non è sufficiente il lavoro prezioso degli operatori della mensa cittadina e delle parrocchie così come non basta il volontariato della Protezione civile che periodicamente cerca di raggiungere i clochard portandogli coperte, un po’ di indumenti e qualche pasto caldo”.

 

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli