domenica, Novembre 27, 2022

Salerno. Vertenza Asl. I sindacati annunciano lo sciopero generale e chiedono la testa del direttore generale al presidente De Luca

L’Asl Salerno chiude il confronto ai lavoratori, le organizzazioni sindacali CGIL FP, CISL FP e UIL FPL avviano il procedimento per lo sciopero generale. Dura la presa di posizione dei Segretari Generali di CGIL FP-CISL FP – UIL FPL di Salerno, rispettivamente Antonio Capezzuto, Miro Amatruda e Donato Salvato. “La Direzione Generale ha ritenuto di non ricevere le tre sigle sindacali confederali abbandonando per l’ennesima volta l’idea del confronto e di far rientrare la vertenza in sane e trasparenti relazioni sindacali, demandandolo alle Forze dell’Ordine, presenti in massa presso la sede di Via Nizza. Siamo alla follia più elevata – si legge in un comunicato stampa -. La gestione amministrativa risulta incontrollabile e paralizzata, con gravi conseguenze sulle attività assistenziali sul territorio in un periodo di grave emergenza sanitaria. Non ci sono parole per giustificare tali comportamenti, a nostro avviso probabilmente intenzionali. E’ una situazione intollerabile e il Direttore Generale dell’ente Mario Iervolino – continua la nota stampa – sembra il bello addormentato nell’Asl. Siamo stanchi di vedere negati il dialogo e l’esigibilità dei diritti dei lavoratori previsti dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro”. Pertanto, le Organizzazioni Sindacali territoriali hanno avviato tutte le procedure per la dichiarazione dello Sciopero Generale e hanno chiesto contestualmente al Presidente DE Luca, le dimissioni del Direttore Generale che ha sospeso ogni tipo di rapporto con le parti. “La pazienza è finita – incalzano i tre segretari generali – la mobilizzazione proseguirà ad oltranza”.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
82FollowerSegui

Ultimi articoli