giovedì, Maggio 26, 2022

Bonus benzina esentasse fino a 200 euro: cos’è e chi ne ha diritto?

Il Consiglio dei Ministri ha promosso il decreto Taglia prezzi, propriamente detto decreto energia, che prevede l’attuazione delle misure anti-rincari, tra le quali un bonus dal valore di massimo 200 euro per combattere il caro benzina. Analogamente ad altri benefit aziendali, spetta alle imprese la scelta di cedere il buono carburante completamente esentasse. Le aziende potranno così concedere il contributo a titolo gratuito ai propri dipendenti senza pagare tasse e senza che ciò vada a incidere sulla dichiarazione dei redditi. Ne hanno diritto tutti i lavoratori di aziende private, indipendentemente dal proprio reddito. Sono esclusi, quindi, i dipendenti pubblici e i possessori di partita Iva. Per l’attuazione di tale contributo è previsto un finanziamento di 300 milioni di euro necessario a garantirlo solo per il mese di aprile ma il governo Draghi assicura di investire altre risorse per il mese di maggio. Per ottenere il bonus non è prevista la compilazione di domande, né si dovranno rispettare limiti ISEE; esso è uno sconto che si applica direttamente al distributore di benzina. Altra misura del decreto è la riduzione delle accise su gasolio e benzina con conseguente calo del prezzo del carburante di 25 centesimi, con l’obiettivo che questo non superi i 2 euro a litro. I provvedimenti del governo hanno lo scopo di attuare sistemi di sostegno alle aziende e di controllare i prezzi che sono arrivati alle stelle in seguito alla guerra in Ucraina.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli