martedì, Giugno 28, 2022

Battipaglia. Cisl Fp, ospedale senza personale. Nei 3 mesi estivi il problema sarà esplosivo

“La carenza di personale infermieristico e di operatori socio-sanitari che grava da troppo tempo sull’Ospedale di Battipaglia è una situazione a più riprese denunciata dalla CISL FP ma purtroppo totalmente disattesa dalla direzione strategica generale dell’ASL Salerno poiché agli innumerevoli solleciti non abbiamo avuto ancora risposte”. Così in una nota stampa dichiarano i delegati sindacali del presidio Silvano Vece, Pasquale Solimeno e Gaspare Pepe della Cisl Fp. “La situazione andrà aggravandosi a breve a causa della obbligatoria necessità di programmazione per lo smaltimento delle ferie estive. Quindi si avranno grosse difficoltà a reperire il personale per garantire la copertura dei turni di lavoro sulle 24 ore continuative con conseguente impossibilità nella garanzia dei livelli essenziali di assistenza anche alla luce del fatto che già nell’attuale quotidianità il personale è allo stremo delle forze e spesso non si riesce a garantire il riposo e quindi diventa veramente difficile andare avanti con questa situazione. Possiamo dire che piove sul bagnato – continuano i delegati Vece, Solimeno e Pepe, perché in estate l’afflusso di utenza in questo ospedale aumenta in maniera direttamente proporzionale all’affluenza di turisti e per il rientro di cittadini residenti ovvero nativi del luogo provenienti da altre regioni. Soprattutto per tutti i vacanzieri, ovviamente anche per una posizione di passaggio e di transito poiché quello battipagliese è l’ospedale che raccoglie più accessi al pronto soccorso di questa di questa utenza che confluisce soprattutto in estate”. La Cisl Fp denuncia la difficoltà di garantire i livelli essenziali di assistenza e la qualità e quantità delle prestazioni nell’ordinario si si aggraverà poiché l’aumento della richiesta sanitaria è esponenziale, soprattutto in questi tre mesi estivi e le difficoltà a gestire l’attuale situazione si evidenzierà maggiormente. “Una riorganizzazione delle attività, ovviamente programmando i percorsi per contrastare tali evidenti in tempi utili sarebbe un obbligo della direzione strategica. Arrivare all’inizio dell’estate senza aver individuato scelte organizzative mostra la totale disattenzione della direzione strategica aziendale sui bisogni delle comunità di riferimento poiché se Battipaglia piange Eboli, Roccadaspide, Polla, Sarno, Nocera, Oliveto, Sapri, Vallo, Agropoli, Pagani, Scafati e tutte le strutture sanitarie dell’ASL Salerno non ridono”.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli