martedì, Agosto 16, 2022

Rifiuti, costituito il Sub Ambito Distrettuale d’Amalfi

I sindaci della Costa d’Amalfi hanno costituito questa mattina, presso il Comune di Vietri sul Mare, alla

presenza del vice presidente della Regione, Fulvio Bonavitacola, e del presidente di Eda Salerno, Giovanni

Coscia, il SAD (Sub ambito distrettuale) per pervenire all’affidamento ad un gestore unico dei servizi di

spazzamento e raccolta dei rifiuti.

Comincia, dunque, ad essere operativo anche nei singoli comprensori della provincia il preliminare di Piano

approvato dall’EDA Salerno, che ha ripartito il territorio in 10 Sub ambiti distrettuali (SAD), oltre a quello

del comune capoluogo, per una maggiore efficienza gestionale dei servizi di spazzamento, raccolta e

trasporto dei rifiuti.

In pratica in ciascun SAD – che rappresenta un’area omogenea per popolazione o bacino di utenza, densità

abitativa, caratteristiche morfologiche e urbanistiche – si dovrà individuare, superando le attuali

frammentazioni, un unico soggetto gestore unico.

Il primo SAD ad intraprendere questa strada, indicata da leggi di settore, sia a livello nazionale che

regionale, è stato il SAD ECODIANO. Questa mattina è stato la volta del SAD COSTA D’AMALFI, composto

dai comuni di Vietri sul Mare, Cetara, Maiori, Minori, Ravello, Scala, Tramonti, Atrani, Amalfi, Conca dei

Marini, Furore, Praiano e Positano.

“Siamo particolarmente soddisfatti – ha commentato Giovanni Coscia, presidente di Eda Salerno –

perché si cominciano a raccogliere i frutti di un costante e impegnativo lavoro che, con l’apporto operativo

della struttura dell’Ente, guidata dal direttore Bruno Di Nesta, stiamo portando avanti nei singoli

comprensori per conseguire gli obiettivi della legge regionale che essenzialmente consistono nel garantire

una maggiore efficienza gestionale ed una migliore qualità del servizio all’utenza”.

“L’Ente di Ambito Salerno – ha rimarcato il vice presidente della Giunta regionale e assessore all’ambiente

Fulvio Bonavitacola – è il primo in regione ad aver intrapreso la strada per la gestione associata dei servizi

su base sub distrettuale, per conseguire quelle economie di scala che dovranno tradursi in minori costi per

gli utenti del servizio.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
80FollowerSegui

Ultimi articoli