lunedì, Dicembre 5, 2022

Battipaglia. Civica Mente sulle cappelle: “schiaffo dell’Amministrazione ai cittadini”

Comunicato Stampa di Civica Mente

Dal 35% di restituzione dovuta ai concessionari, dopo aver realizzato delle tardive proiezioni su eventuali “economie” dei lavori esecutivi, si arriva a deliberare in giunta di proporre una restituzione del 7.5% (per fare un esempio, ai concessionari che hanno pagato 40mila euro le cappelle, saranno restituiti circa 2800 euro). Uno schiaffo a tanti cittadini che da anni hanno versato i propri risparmi per acquistare una cappella.

Sia ben chiaro: siamo consapevoli che la questione cimiteriale sia complessa, aggravata anche da colpe e scelte pregresse, ma quanto comunicato ieri non solo è offensivo per i cittadini, a cui si chiede di pagare per responsabilità altrui, ma è anche rischioso per le casse comunali (e quindi di nuovo per i cittadini che rischiano di pagare due volte) perché la giunta ha scelto di scommettere sul buon andamento delle conciliazioni, senza prevedere per tempo adeguate coperture al rischio, lasciando tutto ad eventuali ulteriori debiti fuori bilancio.Decisione anche comprensibile se presa nei tempi giusti, ma decisamente rischiosa dopo anni di silenzi e rimandi.

La cosa più grave, ancora una volta, è che ci si pone anche dinanzi a una grande complessità e a responsabilità evidenti (ma sarà eventualmente la corte dei conti a chiederne conto) nella posizione della presunta superiorità, pubblicando la delibera di giunta a due ore dal Consiglio, di fatto negando ai consiglieri di minoranza ogni studio approfondito della questione.Un’amministrazione che si ritiene tale, specialmente in una situazione complessa come questa, dovrebbe avvalersi di tutte le competenze presenti, aprendosi anche a soluzioni alternative.

Quanto scelto ieri invece va ancora una volta nella direzione del disprezzo della minoranza, come fatto alla prima convocazione del consiglio in cui poteva essere presentata la delibera ancora in fase di lavorazione per raccogliere ulteriori osservazioni, invece di disertare l’aula gridando che “il consiglio non serve a niente

Sei anni ci sono voluti per discutere la questione.Otto giorni per partorire una delibera rischiosa, che potrebbe considerevolmente aggravare il debito presunto.Il sindaco ha promesso che nel 2023 le cappelle saranno concluse. Lo ha detto alla televisione, quindi non le diamo della bugiarda. Lo ha deliberato con la sua giunta, senza chiedere alcuna consultazione né in consiglio, né nelle commissioni.

Sindaco, le auguriamo di aver fatto bene. Diversamente, saranno Affari Suoi.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
82FollowerSegui

Ultimi articoli