venerdì, Febbraio 3, 2023

Battipaglia. D’Acampora impugna il Puc al Tar: “negato il mio ufficio da Consigliere comunale”

Luigi D’Acampora: “La Giunta Comunale mi ha impedito di svolgere la funzione di Consigliere comunale”. Questa è una delle sei motivazioni con il quale l’esponente della minoranza del Civico Consesso ha impugnato dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale – Sezione Salerno – la delibera di adozione del Piano Urbanistico Comunale. Sono tantissimi i ricorsi al Tar che chiedono all’autorità giudiziaria di annullare il Piano Urbanistico Comunale, contestando sia profili di legittimità che procedimentali. Una vera e propria guerra giudiziaria tra l’esecutivo presieduto dalla sindaca Francese e cittadini, imprenditori e adesso anche consiglieri comunali.  D’Acampora, per mezzo del suo difensore, lamenta che gli è stato negato l’accesso agli atti del Puc. Pertanto, il diniego di accesso gli ha precluso, formalmente e sostanzialmente, l’esercizio delle funzioni di indirizzo e di controllo dell’attività amministrativa fondamentale per la vita dell’ente. Quindi, il ricorrente non è stato mai messo nella condizione di esaminare l’atto e i relativi e importanti elaborati. L’impedimento è ancora più grave se solo si considera che lo Statuto dell’Ente attribuisce competenza al Consiglio Comunale per l’adozione del PUC (art. 26). “Il preliminare di PUC pubblicato, peraltro, era privo dei necessari elaborati ovvero: – la carta dell’uso agricolo; – le carte e indagini geologiche; – Il piano acustico”.  Questi sono solo alcune delle motivazioni che hanno spinto il consigliere a chiedere l’annullamento dello strumento urbanistico, nel ricorso vi sono tantissimi altri aspetti. Traballa, dunque, il Puc considerando che ormai i ricorsi dinanzi all’autorità giudiziaria amministrativa sono circa una ventina.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
82FollowerSegui

Ultimi articoli