sabato, Maggio 25, 2024

Salerno. Grande successo per la cerimonia in onore di Giovanni Palatucci

Si è tenuta nei giorni scorsi la cerimonia per il 78esimo anniversario della morte di Giovanni Palatucci, medaglia d’oro al merito civile, martire della Polizia di Stato. Era nato a Montella, in provincia di Avellino, nel maggio 1909. Quando fu arrestato dalla SS, il 13 settembre 1944, era reggente della Questura di Fiume, città delle Alpi Giulie, nel golfo del Quarnaro, adesso in territorio croato. Internato nel campo di concentramento di Dachau, morì di stenti il 10 febbraio 1945, 78 giorni prima della liberazione del campo. Durante la sua permanenza a Fiume aveva salvato numerosi ebrei dallo sterminio. Nel 1990 lo stato di Israele lo ha riconosciuto come Giusto tra le nazioni.

Per celebrare l’eroico sacrificio di cui si rese protagonista, la Questura di Salerno ha organizzato, per questa giornata, una cerimonia presso il Museo della Memoria e della Pace di Campagna, città che può vantare un legame speciale con la figura del Funzionario di Polizia.

L’evento, che è si è realizzato grazie alla collaborazione del Sindaco di Campagna e dell’Amministrazione comunale tutta, nonché del Centro Studi Giovanni Palatucci, attivo in quel Comune, si è svolto alla presenza di una rappresentanza di studenti degli Istituti di Istruzione Superiore. Hanno partecipato il Prefetto, L’Arcivescovo Metropolita di Salerno Campagna e Acerno e Padre Franco Stano, già Postulatore della causa di canonizzazione di Giovanni Palatucci.

Nell’occasione, è stato donato al Museo della Memoria e della Pace di Campagna un dipinto su tela realizzato dagli alunni della classe quinta A del Liceo Artistico Sabatini-Menna di Salerno, ispirato alla figura del “Martire”.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli