giovedì, Giugno 20, 2024

Salerno. Si conclude stasera la mostra  “Viaggiatore di altri mondi” di Luis Marino

Sul finire degli anni Settanta, il fotografo Paolo Monti  auspicava: “Un occhio nuovo per cose antiche” ed esortava i fotografi a essere “contemporaneamente visivi e visionari”. E’ giusto questo l’invito che ci giunge da Constantino Luis Marino ed Armando Cerzosimo a conclusione degli undici giorni della mostra “Viaggiatore di altri mondi” che questa sera con start alle ore 19 vivrà il suo finissage, con un dialogo sulla fotografia tra i due fotografi.

Constantino Luis Marino, ha rivelato attraverso una scelta di 14 immagini su oltre quattrocento scatti, visionati, provenienti da tutto il mondo, il suo segno fotografico e la sua identità, in questa mostra curata  da Armando Cerzosimo, che vanta il patrocinio morale del comune di Salerno e  del C.N.A  Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa ospite della Camera Chiara Galleria Sala Posa, sita in via G. da Procida, 9, nel centro storico di Salerno e che in questi undici giorni ha visto animata da diversi eventi, in particolare dagli incontri con Erminia Pellecchia, Cristina Tafuri, dagli interventi del Primo Cittadino Vincenzo Napoli e del Presidente provinciale del C.N.A. Lucio Ronca,  e su tutti con i liceali del Convitto Nazionale Torquato Tasso e del Liceo Artistico Sabatini-Menna.

Vari gli argomenti trattati a cominciare da termini quali visione, visionarietà, antichità, paesaggio come luogo e tòpos, ove convergono e possano far riflettere seriamente chi pratica la fotografia, a vario livello. Si inizia da quell’essere “visivi” di squisita derivazione prospettica che, a lungo andare, si è trasformato da potere e consapevolezza dello sguardo a ingenua maniera fotografica, maniera che traduce, ma mai declina con incisività e contezza, una quantità spropositata di immagini.

Articoli simili

SEGUICI

17,836FansMi piace
1,950FollowerSegui
912IscrittiIscriviti

Ultimi articoli