venerdì, Luglio 19, 2024

Salerno Letteratura. Parte il countdown per il Festival della cultura

Tutto pronto per l’undicesima edizione del Festival Salerno Letteratura che si svolgerà dal 17 al 24 giugno. Nel corso dell’anteprima romana che si è tenuta ieri presso la libreria Spazio Sette di via dei Barbieri 7,i direttori artistici Gennaro Carillo e Paolo Di Paolo, il direttore organizzativo Ines Mainieri e la curatrice del programma ragazzi Daria Limatola hanno anticipato alcune delle novità di questa undicesima edizione. Svelati i primi grandi nomi che incontreranno il pubblico: Niccolò Ammaniti, Chiara Gamberale, Ayelet Gundar-Goshen, Geoff Dyer, Emilio Isgrò, Anthony Pagden, Roberto Esposito, Giulia Sissa e Domenico Starnone a cui questa edizione è dedicata. “Avremo più di 130 appuntamenti – ha annunciato Paolo Di Paolo – Una scuola di lettura, una sezione manzoniana e una sfida, per rompere la frontalità degli eventi, con percorsi tematici che vedranno un confronto a più voci su temi di grande attualità, come le città del futuro, il Dante politico e il ruolo dell’intellettuale al Sud”. In un’Italia inflazionata da troppi festival, “la sfida è quella dell’originalità – ha detto Gennaro Carillo – Il nostro è il festival dell’incontro che si prefigge un obiettivo ben preciso: andare oltre l’effimero mettendo insieme persone che non si sarebbero conosciute diversamente”. La giuria tecnica di Salerno Letteratura ha reso inoltre nota la terna del Premio Salerno Libro d’Europa. La scelta di Daria Bignardi, giornalista, conduttrice e scrittrice, Paolo Di Stefano, scrittore, giornalista e accademico e Matteo Palumbo, professore onorario di Letteratura italiana all’Università Federico II di Napoli, è ricaduta su Noi siamo luce di Gerda Blees (Iperborea), Fame blu di Viola Di Grado (La nave di Teseo) e Battere i pugni sul mondo di Lukas Rietzschel (Keller editore).

Articoli simili

SEGUICI

18,020FansMi piace
1,960FollowerSegui
917IscrittiIscriviti

Ultimi articoli