mercoledì, Giugno 19, 2024

Battipaglia. Mare inquinato, la sindaca dispone ii divieto di balneazione per 961 metri di costa (vedi ordinanza)

Mare inquinato, scatta l’ordinanza sindacale di divieto di balneazione su un tratto di costa di circa 900 metri.

La prima cittadina, a seguito del rapporto del 9 agosto scorso dell’agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania – dipartimento di Salerno -, ha disposto la non balneabilità della costa nella zona compresa tra il lido Enea (incluso) i il Lido in gestione alla Gastone S.a.s (incluso).

Il provvedimento amministrativo è stato notificato a ben 6 stabilimenti balneari.

Per la cronaca, vige dal maggio scorso anche un’altra ordinanza di divieto di balneazione che interessa il tratto marittimo denominato Spineta Nuova.

Un tratto, con inizio a 200 metri dalla foce del fiume Tusciano e con termine a 528 metri più a sud.

Le due ordinanze di divieto di tuffarsi a mare sono state adottate a tutela della salute umana poiché sono stati superati i parametri imposti dalla legge sulla presenza nelle acque della Escherichia coli e degli Enterococchi intestinali.

 L’Agenzia regionale protezione ambiente della Campania attribuisce le cause dell’inquinamento allo sversamento dei reflui urbani nel fiume Tusciano, che per il 60% non vengono trattati dal depuratore in località Tavernola.

Litorale non balneabile è di 1289 metri su 3.300 m, i restanti 2mila metri sono fruibili ai bagnanti.

Articoli simili

SEGUICI

17,836FansMi piace
1,950FollowerSegui
912IscrittiIscriviti

Ultimi articoli