domenica, Febbraio 25, 2024

Battipaglia. Incidente stradale non riconosciuto dal CTU, noto commerciante presenta querela alla Procura della Repubblica

“Suscita perplessità la circostanza appresa successivamente al conferimento dell’incarico al consulente tecnico d’ufficio, che il CTU ed il perito di una nota compagnia assicurativa, attualmente lavorino per la medesima società assicurativa”.  Questa la sintesi della motivazione che ha spinto un commerciante di Battipaglia D.D.R. a presentare querela alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno per il tramite dei Carabinieri della Compagnia della città capofila della Piana del Sele. Al commerciante battipagliese è stato negato il risarcimento danni ad una propria autovettura coinvolta in un sinistro stradale. Sinistro stradale di esclusiva responsabilità del conducente dell’altro mezzo coinvolto, secondo la versione del tamponato e del tamponante. Il perito dell’assicurazione, invece, nella sua relazione ha scritto: il danno non è compatibile con le descrizioni fatte dalle parti e dai testimoni. A questo punto, il commerciante, per vedere riconosciute le proprie pretese, ha citato in giudizio la compagnia assicurativa dinanzi al Giudice di Pace, facendo rilevare che il perito della stessa avesse indicato erroneamente l’impatto della controparte diverso dal reale e avesse escusso non il conducente ma un’altra persona. Il magistrato non togato, come di prassi, ha nominato un consulente tecnico per l’accertamento e la compatibilità del sinistro accaduto. A quanto ha dichiarato il querelante il CTU avrebbe condiviso la relazione del C.T.P. e alla fine ha confermato la non congruità delle versioni rispetto ai danni periziati. Il commerciante battipagliese, per questo fatto, ha chiesto alla Procura di indagare se vi siano state gravi ragioni di convenienza per il CTU dall’astenersi dall’accettazione dell’incarico, “avendo lo stesso sottaciuto i rapporti col Consulente Tecnico di Parte”. Il noto commerciante battipagliese in querela denuncia che i due tecnici lavorano entrambi all’Helvetica Compagnia Svizzera Assicurativa e che il CTU ha dichiarato nella sua consulenza, proprio per escludere ogni sospetto sull’incarico, di essere amico fraterno del CTP; nel frattempo, il legale del commerciante ha chiesto al giudice di pace la rinnovazione della Consulenza Tecnica di Ufficio per le ragioni addotte in querela.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli