venerdì, Aprile 12, 2024

Salerno-Potenza. Traffico di rifiuti internazionale con la Tunisia, 11 gli arrestati dalla Dia e dal Noe (vedi l’elenco di tutti gli indagati)

Traffico di rifiuti internazionale Italia – Tunisia. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Potenza, su richiesta della Procura di Potenza, a seguito delle indagini della Dia e dei Carabinieri del Noe, ha emesso ben 11 misure cautelari. Quattro persone sono finite in carcere, cinque ai domiciliari e per due è scattato l’obbligo di dimora. Sedici gli indagati, insieme con quattro società tre delle quali sono state sequestrate insieme a beni per un milione di euro.

Ieri mattina sono stati notificati gli arresti domiciliari a: Vincenzo Andreola (66 anni, funzionario regionale); Antonio Cancro (53 anni); Innocenzo Maurizio Mazzotta (62 anni); Ciro Donnarumma (44 anni); Federico Palmieri (27 anni).

Il gip di Potenza ha invece disposto il carcere per gli imprenditori Alfonso Palmieri, 39 anni, Tommaso Palmieri, 70 anni, per il tunisino Mohamed El Moncef Bin, 45 anni, e per Paolo Casadonte, 43 anni.

L’obbligo di dimora è stato emesso infine per Carmela Padovani, 32 anni, e Francesco Papucci, 48 anni.

Una delle società coinvolte avrebbe consentito l’ingresso nell’affare di due degli imprenditori indagati, che avevano la necessità di smaltire grandi volumi di rifiuti. Questi imprenditori, viene sottolineato nell’ordinanza del giudice, “portavano in dote le conoscenze presso gli uffici della Regione Campania di un funzionario amministrativo […] disponibile ad assecondare illecitamente le pratiche della società consentendo di ottenere le necessarie autorizzazioni anche a fronte di evidenti e macroscopiche irregolarità”.

Traffico di rifiuti: l’Operazione del NOE ha permesso di arrestare 11 persone

Comando Provinciale di Potenza – Territorio Nazionale, 29/02/2024 12:51

Nelle prime ore di ieri mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria della Direzione Investigativa Antimafia e del Gruppo Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Sicurezza Energetica, collaborati nella fase esecutiva dai militari dei Comandi Provinciali territorialmente competenti, su disposizione della DDA di Potenza, hanno dato esecuzione a plurimi provvedimenti cautelari personali, emessi dal G.I.P. del Tribunale di Potenza, su richiesta di questo Ufficio, a carico di altrettanti intermediari, imprenditori, titolari di aziende di trattamento/recupero e società di intermediazione, funzionari pubblici, operanti nel settore della gestione dei rifiuti, indiziati per i reati di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti (art. 452 quaterdecies c.p.), fittizia intestazione di beni, (art. 512 bis c.p.), gestione illecita di rifiuti e realizzazione di discarica abusiva (art. 256 commi 1 e 3), frode nelle pubbliche forniture (art. 356 c.p.). L’indagine, coordinata da questa Procura Distrettuale Antimafia e condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Salerno e dalla DIA di Potenza, costituisce lo sviluppo e l’esito di una complessa attività investigativa che, sulla base del quadro indiziario raccolto (da sottoporre ancora ai successivi vagli giurisdizionali) ha consentito di individuare vaste operazioni di trasferimento all’estero di rifiuti in un preoccupante scenario di traffico transfrontaliero con elusione dei controlli sul ciclo dei rifiuti e conseguenti danni all’ambiente ed alla salute dell’uomo ad opera di soggetti italiani. Questi ultimi avrebbero agito con la complicità di intermediari anche stranieri, organizzando il trasferimento all’estero di rifiuti (che peraltro sulla base della normativa vigente, anche di carattere internazionale, non potevano essere esportati) verso soggetti del tutto privi della capacità di trattarli, recuperarli e smaltirli regolarmente e, dunque, verosimilmente, destinati ad essere incendiati (come pure avvenuto) o illecitamente abbandonati/interrati in Africa, contribuendo così ad implementare il fenomeno dell’incontrollato smaltimento, nel continente africano, di rifiuti provenienti dai paesi industrializzati.
La vicenda trae origine da un contratto, della durata di un anno, per la gestione di complessive 120.000 tonnellate di rifiuti con codice nel catalogo europeo dei rifiuti CER (EER) 191212, asseritamente stipulato in Polla, in data 30 settembre 2019, tra il rappresentante della società tunisina “SOREPLAST S.u.a.r.l.”, in qualità di impianto di ricezione, recupero e smaltimento del rifiuto, sito nella città di Sousse, e il rappresentante legale della società SVILUPPO RISORSE AMBIENTALI S.r.l., in qualità di produttore del rifiuto nell’impianto sito a Polla (SA). In particolare, il contratto disciplinava i dettagli e le condizioni di consegna delle quantità di rifiuti prodotte dall’azienda di Polla all’impianto tunisino di Sousse e l’obbligo di quest’ultimo di ricevere i rifiuti nel proprio impianto, di trattare e/o recuperare e, successivamente, di smaltire la minoritaria frazione non trattata o recuperata.
Un particolare ruolo nel complesso delle indagini, risulta essere stato rivestito dalle società di intermediazione ECO MANAGEMENT s.p.a. di Soverato (CZ) e GC Service con sede in Tunisia.
E’ proprio la società calabrese ad aver affidato, per prima, all’azienda tunisina le operazioni di «conferimento, selezione e avvio al recupero di rifiuti speciali CER 191212» per un quantitativo di 10.000 tonnellate mensili fino a un tetto massimo di 120.000 tonnellate. La SVILUPPO RISORSE AMBIENTALI (SRA) subentrava, quindi, in un contratto già stipulato dall’impresa calabrese, pagando alla ECOMANAGEMENT s.p.a. una somma fissa per l’intermediazione più 22 euro a tonnellata per la cessione, e firmerà un secondo contratto con la SOREPLAST, il 30 settembre 2019 come sopra si è già detto.
La stessa società ECOMANAGEMENT s.p.a., non si limitava a cedere il contratto alla SRA s.r.l., ma si impegnava a fornire alla SOREPLAST di Sousse i macchinari necessari per giustificare le operazioni di recupero (che alla fine si rivalvano un simulacro, cioè una vecchia pressa e un nastro di selezione), attualmente abbandonati presso un secondo capannone ubicato in un centro a pochi chilometri da Sousse.
A svolgere funzioni di tramite tra la parte imprenditoriale italiana e quella tunisina è la società GC Service s.a.r.1., attiva dal 2019 e iscritta al Registro Nazionale delle Imprese Tunisine, in costante contatto con la dirigenza della SOREPLAST di Sousse. Da evidenziare che il clamore mediatico, generato dal reportage di una emittente televisiva tunisina che aveva informato l’opinione pubblica della operazione d’importazione di rifiuti in questione, aveva indotto il Ministero degli Affari Locali e dell’Ambiente tunisino a disporre l’apertura di una inchiesta in cui vennero coinvolti, come riportato dalle testate giornalistiche dell’epoca, politici e alti funzionari di Stato, taluni dei quali tratti in arresto. In tale contesto tutti i rifiuti sono stati in parte fermati ed in parte respinti dalle locali Autorità tunisine a causa di accertate difformità sia con riferimento alla tipologia degli stessi, che in relazione alla falsità dei documenti di accompagnamento ed in particolare alla esistenza di autorizzazioni rilasciate da organi del tutto incompetenti.
Sul fronte italiano, le indagini hanno consentito di disvelare un complesso sistema attraverso cui è stato organizzato un ingente traffico illecito di rifiuti, reso possibile, tra l’altro, dalla concessione di due autorizzazioni rilasciate dall’UOD di Salerno della Regione Campania (rilasci in relazione ai quali sono indagati due funzionari regionali) in esito ad una carente istruttoria documentale formata da documenti e autorizzazioni falsi. 
Sono state quattro le spedizioni effettuate nell’arco temporale dal 14 maggio al 16 luglio 2020, circa 282 containers sotto la lente di ingrandimento degli investigatori (tra maggio e luglio 2020) con partenza da Polla, via porto commerciale di Salerno e, in seguito, rispediti in Italia, per un totale di circa 7.891 tonnellate di rifiuti, nr. 70 dei quali giunti presso l’impianto tunisino della SOREPLAST S.u.a.r.l., poi interessato da un incendio doloso che ha mandato in fumo buona parte dei rifiuti in esso stipati, e i rimanenti bloccati al porto tunisino di Sousse.
I primi atti di indagine portavano questo Ufficio ad acquisire una copiosa documentazione presso gli uffici regionali interessati al rilascio delle autorizzazioni ambientali alla spedizione transfrontaliera e presso le aziende interessate dalla vicenda giudiziaria. Tali documenti si rivelavano utili alla ricostruzione dei fatti, provvedendo poi questo Ufficio alla successiva escussione di persone informate e avviando attività tecniche nei confronti dei soggetti ritenuti – a vario titolo – coinvolti nell’illecito traffico di rifiuti.
L’attività investigativa, nel complesso, ferma restando la presunzione d’innocenza fino a sentenza definitiva di condanna, ha consentito di elevare le seguenti provvisorie imputazioni:
– traffico illecito transfrontaliero di rifiuti in Tunisia, attuato mediante l’utilizzo consapevole di falsi documentali, con il concorso attivo di soggetti e imprese tunisine;
– truffa e frode in pubbliche forniture, da parte degli amministratori della società S.R.A. s.r.L, in danno di Comuni campani e lucani, in quanto, titolare di specifici contratti, gestiva i relativi rifiuti urbani, conferendo – contrariamente agli impegni presi ed alla legge – la parte non recuperabile di essi, dopo il loro previsto trattamento, presso l’impianto non autorizzato, sito come detto in Tunisia;
– sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, avendo, la stessa S.R.A. s.r.l, trasferito fraudolentemente i beni strumentali, i contratti con enti pubblici, gli automezzi e il personale necessario all’attività primaria alla GF Scavi S.r.l di Sicignano degli Alburni (SA);
– trasferimento fraudolento di valori, avendo attribuito fittiziamente a terzi la titolarità e la disponibilità di denaro, beni e altre utilità e riciclaggio;
– illecita attività di intermediazione nel settore dei rifiuti, posta in essere dagli amministratori delle società ECOMANAGEMENT S.p.a. di Soverato e GC Service con sede in Tunisia.
Coinvolti nell’indagine, come detto, anche due funzionari della Regione Campania, uno dei quali raggiunto dal provvedimento coercitivo degli arresti domiciliari in quanto a suo carico – ferma restando la presunzione di innocenza – sono emerse, in un contesto di rapporti molto stretti fra il funzionario e le imprese coinvolte, numerose omissioni nei controlli, sia con riferimento ai titoli autorizzativi alla spedizione transfrontaliera in possesso del produttore dei rifiuti (la S.R.A. s.r.l.), sia con riguardo alle Autorità tunisine investite e competenti al rilascio del nulla osta alla spedizione. Omissioni e condotte che, nel caso di questo funzionario, sono state ritenute, a livello di gravità indizi aria, un consapevole contributo all’illecito traffico di rifiuti.
Nel contesto della stessa indagine, oltre ai provvedimenti cautelari personali, sono stati pure eseguiti provvedimenti di sequestro dei beni delle società coinvolte sino ad un ammontare pari all’illecito profitto derivante loro dalle illecite attività contestate. In applicazione dell”‘Accordo di Cooperazione Istituzionale”, siglato nel febbraio 2022 tra la Repubblica Tunisina e la Regione Campania – con la quale questo Ufficio ha sempre avuto una indispensabile ed efficace collaborazione – i containers stipati di rifiuti, compresi quelli combusti, sono rientrati dalla Tunisia. Tale rientro ha consentito a questa DDA il sequestro degli stessi ed il loro trasferimento nel Comprensorio Militare E.I. di Serre (SA), ove sono state svolte, da consulenti nominati da questo Ufficio in contraddittorio con quelli delle parti, le operazioni di campionamento e caratterizzazione degli stessi e al loro smaltimento, attività che ha pure consentito di verificare la non corrispondenza della qualità dei rifiuti in sequestro, al codice di riferimento (CR191212) dichiarato invece dall’esportatore.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli