sabato, Maggio 25, 2024

Salerno. Countdown per la XXXII edizione della Fiera del Crocifisso Ritrovato

“Mille più – un tuffo nel Medioevo”: questo lo slogan della XXXII edizione della Fiera del Crocifisso Ritrovato, organizzata dalla Bottega San Lazzaro con il Comune di Salerno, ove è stata presentata. Quella che è ormai attestata tra le maggiori fiere medievali d’Italia è in programma dal 25 al 28 aprile 2024 nel centro storico di Salerno. La manifestazione è sostenuta da: Comune di Salerno, Camera di Commercio, CNA, Regione Campania, Provincia di Salerno, Ministero della Cultura, Coldiretti, Fondazione della Comunità Salernitana, Fondazione Carisal e la Fondazione Scuola Medica Salernitana.

Si comincia giovedì 25 aprile alle ore 17.45 in piazza Duomo, con la partenza del corteo storico in abiti d’epoca che percorrerà le strade del centro storico di Salerno per portarsi in piazza Portanova, dove alle 18.00 circa ci sarà il taglio del nastro, con lo spettacolo imperdibile degli sbandieratori del Gruppo Città de la Cava “Li quattro distretti – Luca Barba”, artisti, musicisti, mangiafuoco ed altri.

Il direttore artistico della Fiera, Gianluca Foresi, sottolinea la difficoltà che stanno vivendo molte manifestazioni simili in Italia dopo il Covid: “Molte manifestazioni simili alla Fiera del Crocifisso Ritrovato non sono sopravvissute a quegli anni difficili: la Fiera invece è riuscita non solo a sopravvivere, ma si è confermata e soprattutto è cresciuta, riuscendo a proporre un’offerta sempre più variegata e composita. Particolare attenzione abbiamo voluto inoltre dedicare al pubblico dei più piccoli: tante le attività in cui saranno coinvolti, dai giochi in legno, ai banchi rievocativi, il villaggio dell’artigianato e la passeggiata esperienziale per Salerno”.

Dal canto suo, la direttrice organizzativa dell’evento, Chiara Natella, sottolinea la poliedricità di un allestimento che “apre a tutto il centro storico con una no stop di eventi. Chi ha già visto la Fiera sa che è sempre una sorpresa e che in ogni angolo, vicolo, piazza si può imbattere in artisti di strada, giocolieri, musicanti, mercatini medievali e via dicendo. Tutto questo comporta, ovviamente, un grande sforzo organizzativo, una regia e un coordinamento preparati nel corso dell’anno. Siamo però confortati dai grandi numeri, perché ogni anno i visitatori sono davvero tanti e provengono, ormai, un po’ da tutta Italia”.  

La manifestazione, ideata da Peppe Natella, ha superato il traguardo dei 3 decenni di vita, facendo registrare ad ogni edizione numeri da record in termini di presenze. Nel nome del suo ideatore, la Fiera continua con la direzione organizzativa della figlia Chiara e dell’intera famiglia Natella. Sarà un vero e proprio tuffo nel passato tra mercati medievali, rievocazioni storiche, attrazioni, artigianato, degustazioni, mostre, momenti di spettacolo e monumenti aperti. Diversi i siti del centro storico interessati, centinaia gli artisti di strada: per ricreare il clima medievale ci saranno menestrelli, saltimbanchi, giocolieri, trampolieri, mangiafuoco, giullari, cantastorie, artisti di strada, statue viventi.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli