sabato, Giugno 25, 2022

Inquinamento elettromagnetico, Cavodotto Enel sventra il rione Sant’Anna

La città di Battipaglia è stata sempre al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica provinciale e regionale per le varie problematiche ambientali che presenta e che, più di una volta, sono state oggetto di discussione. Pertanto, si ripropone all’attenzione della collettività il problema rappresentato dal cavodotto che taglia per metà il popoloso quartiere S. Anna. Se ne parla dal 1995/1996, ormai, da oltre 20 anni, ma la linea elettrica aerea ad alta tensione è ancora al suo posto. Le preoccupazioni per la salute dei cittadini (inquinamento elettromagnetico) ha portato senza alcun successo alla proposizione all’interramento dell’elettrodotto per un tratto di 2 km circa e per una spesa totale di 1 milione di euro da dividere con l’ENEL. Nel 2002  fu siglato l’accordo fra ENEL, Regione Campania e ANCI che stabilì l’interramento dei cavodotti presenti nella regione, impegnando i Comuni interessati nella semplice operazione di comunicazione dell’esistenza di queste linee aeree ad ENEL e Regione Campania. Ad oggi, però, il cavodotto è ancora nel rione Sant’Anna: addirittura non fa più neanche notizia. 


Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli