lunedì, Novembre 23, 2020

Guardia di Finanza. Sequestrate 24 mila mascherine cinesi

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Modena, nell’ambito dei servizi di controllo volti al contrasto delle condotte fraudolente e delle pratiche commerciali sleali connesse all’emergenza epidemiologica COVID-19, hanno individuato e sequestrato, all’interno di un’azienda commerciale modenese, 1.222 mascherine di tipo FFP2 e 7.650 mascherine tristrato chirurgiche, non conformi ai prescritti requisiti di sicurezza ed in assenza delle necessarie certificazioni dell’Istituto Superiore di Sanità o dell’INAIL. Le mascherine sequestrate, provenienti da un fornitore cinese, erano infatti prive della marcatura “CE” ed erano accompagnate unicamente da un “Certificate of Compliance”, che risulta essere semplicemente un documento emesso su base volontaria a richiesta del produttore. L’ingente sequestro operato dai militari del Nucleo di Polizia economico-finanziaria e della Compagnia di Modena è stato effettuato in concomitanza ad altro intervento eseguito presso una farmacia bolognese dai finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Bologna, ove sono state rinvenute e poste sotto sequestro altre 400 mascherine non sicure, provenienti dalla medesima fornitura. Presso il commerciante modenese, che pubblicizzava la vendita dei prodotti sequestrati attraverso il noto social network “facebook”, è stata acquisita la documentazione amministrativo-contabile utile alla ricostruzione dell’intera filiera dei soggetti coinvolti. Lo sviluppo dell’attività investigativa ha consentito altresì di accertare che la merce era stata poi venduta a diversi Enti pubblici locali, approfittando delle difficoltà che hanno quest’ultimi a reperire sul mercato tali presidi sanitari in tempi brevi, ove sono state rinvenute e sottoposte a sequestro ulteriori 13.000 mascherine chirurgiche e 1.700 mascherine FFP2, ancora inutilizzate. I due responsabili dell’azienda modenese sono stati dunque deferiti alla locale A.G., a piede libero, per le ipotesi di reato di frode in commercio e nelle pubbliche forniture. Continuano ulteriori controlli da parte di tutti i Reparti delle Fiamme Gialle della provincia, finalizzati a tutelare la salute dei consumatori e gli operatori onesti, contrastando i comportamenti illegali e fraudolenti che sfruttano l’attuale emergenza sanitaria per conseguire indebiti profitti. L’attività di servizio condotta dai finanzieri modenesi e bolognesi costituisce efficace concretizzazione della quotidiana azione realizzata dalla Guardia di Finanza, quale unico organo di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria, nel perseguimento dell’obiettivo di ripristinare le necessarie condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini e di tutela della collettività.

[widgetkit id=”22″ name=”Villa Maria”]


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
60FollowerSegui

Ultimi articoli

Battipaglia. La sindaca Francese: scuole (0-6 anni) chiuse fino al primo dicembre

La sindaca Cecilia Francese mantiene le scuole chiuse fino al primo di dicembre anziché fino al sette di dicembre come aveva annunciato...

Regione Campania. Covid -19, mercoledì ritorno a scuola in presenza (0-6 anni).

L'Unità di Crisi si è riunita per esaminare i risultati dello screening a campione,su base volontaria, relativo alla popolazione scolastica. Sulla base...

Campania coronavirus. Oggi 2.158 positivi su 15.739 tamponi

Aggiornamento dei dati sul coronavirus in Campania. I positivi del giorno sono 2.158 su 15.739 tamponi processati. Asintomatici: 1.931, sintomatici: 227. Il...

Covid-19: a Bellizzi focolaio in un’azienda. Il punto su Picentini, Alto e Basso Sele, Irno

Situazione covid-19 nei comuni dei Picentini, Alto e Basso Sele, Irno (dati aggiornati al 22/11). Notevole crescita di positivi ad Eboli e...

Battipaglia. Longo: l’attuale amministrazione ha tradito gli elettori (video)

Il neo letto al consiglio provinciale Valerio Longo, capogruppo consiliare di F.I.  intende portare avanti con tanta dedizione le istanze relative al...