sabato, Ottobre 24, 2020

Il presidente Conte, chiedo scusa per i ritardi

“Oltre 4 milioni tornano a lavoro lunedì grazie ai primi risultati delle misure di contenimento: impiegati, addetti e operai che potranno confidare nell’applicazione di rigidi protocolli di sicurezza, su cui saremo intransigenti”. Il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte interviene sulla sua pagina facebook con un messaggio agli italiani, utilizzando un linguaggio moderato e sereno, chiedendo anche scusa per chi ancora non ha ricevuto quello promesso dal Governo.  “Ho letto alcune vostre lettere, ho provato a vestire i vostri panni e ne ho avvertito tutto il peso. Ho apprezzato la lettera di Elisabetta che ha un’attività da estetista a Pomezia. Come tante altre sue colleghe mi ha scritto per tornare a lavorare in sicurezza, determinata a evitare qualsiasi forma di lavoro in nero. Ho letto con interesse le soluzioni proposte da Luciana, che da Torino mi ha raccontato la sua passione per la ristorazione, un mestiere che ha imparato dopo una lunga gavetta in periferia, con una lunga lista di consigli per ripartire il prima possibile, con vari accorgimenti per proteggere la salute. Ho percepito tutta la passione di Tonino per il suo salone di barbiere, aperto a Potenza nel 1978, l’attaccamento agli attrezzi del mestiere: le forbici, il rasoio. Sono sicuro che, con il rispetto delle regole adottate, in alcuni territori si potrà rallentare notevolmente la curva del contagio. E attività come la sua potrebbero rialzare prima del previsto la saracinesca: se abbassiamo il rischio di contrarre il virus e rispettiamo i protocolli di sicurezza, tanti clienti torneranno a tagliarsi i capelli senza essere bloccati dalla paura. Lo Stato, così come tutti i lavoratori, non ha mai trovato di fronte a sé una minaccia sanitaria ed economica come questa. Negli ultimi 50 giorni abbiamo dovuto mettere in campo uno sforzo economico pari a quello di intere manovre di bilancio realizzate nell’arco di 2 o 3 anni. Tanti hanno ricevuto un sostegno, altri lo riceveranno nei prossimi giorni. Abbiamo lavorato al massimo per far ripartire a pieno regime il motore dello Stato, perché questo poderoso sostegno pubblico si concretizzasse in pochi giorni: ci sono stati e ancora continuano alcuni ritardi nelle somme da erogare, come pure complicata si sta rivelando la partita dei finanziamenti. Chiedo scusa a nome del Governo, e vi assicuro che continueremo a pressare perché i pagamenti e i finanziamenti si completino al più presto”.

[widgetkit id=”21″ name=”Naimoli”]


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
62FollowerSegui

Ultimi articoli

Olevano S.T., 2 casi di coronavirus. Il messaggio del sindaco Volzone (Video)

Coronavirus, il sindaco di Olevano Sul Tusciano Michele Volzone ha comunicato ai propri cittadini che sono risultati positivi 2 persone. I contagiati...

Coronavirus. 111 positivi in provincia di Salerno su 1.286 tamponi. 3 nuovi casi a Battipaglia

Aggiornamento serale dei dati sul contagio da coronavirus in provincia di Salerno. L’Asl Salerno ha appena comunicato che su 1.286 tamponi effettuati...

Coronavirus. Vincenzo De Luca chiede al Governo il lockdown totale.

Il Presidente della Regione Campania chiede al Governo nazionale il lockdown totale. "I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di...

Cava dei Tirreni, lunedì la proclamazione degli eletti al Consiglio Comunale

Cava dei Tirreni. L’Ufficio Centrale di Controllo, presieduto da Gustavo Danise, magistrato della Procura del Tribunale di Nocera Inferiore, sulla base delle...

Eboli. Amministrazione comunale impegnata nel contrasto al gioco d’azzardo

Deciso contrasto alle conseguenze patologiche del gioco d’azzardo, tutelando la salute dei cittadini e supportando le famiglie in difficoltà. Amministrazione comunale in...