sabato, Ottobre 31, 2020

Bonus vacanze, 500 euro di credito: ecco come spenderlo

L’art. 176 del Decreto Legge 19 maggio 2020 n. 34, convertito in legge dalla Legge 19 luglio 2020 n. 77, ha previsto per i nuclei familiari con ISSE inferiore ai 40.000 Euro un credito di 500 Euro (Bonus Vacanze), utilizzabile  dal 1 luglio al 31 dicembre 2020 per il pagamento di servizi (pernottamento, ristorante) offerti dalle imprese turistiche ricettive (Alberghi, Villaggi, Campeggi), nonché Agriturismi e Bed & Breakfast in possesso dei titoli previsti per l’esercizio dell’attività turistica.

Il Credito, utilizzabile da un solo componente del nucleo familiare, è pari a 500 Euro per nucleo familiare; di 300 euro per nuclei di due persone e di 150 Euro per una singola persona.

Il credito è riconosciuto, a pena di decadenza, al verificarsi delle seguenti condizioni:

  1. Le spese devono essere sostenute in un’ unica soluzione in servizi resi da una singola impresa turistica ricettiva, da un singolo agriturismo o da un singolo bad & breakfast;
  2. La somma spesa deve essere documentata da fattura elettronica o documento fiscale, ove deve essere indicato il codice fiscale del soggetto che intende usufruire del bonus;
  3. Il pagamento, oltra ad essere  tracciabile (Bancomat – carta di credito – assegni), deve essere corrisposto esclusivamente dal soggetto che intende usufruire dei servizi. 

Tale credito permette uno sconto dell’80% del bonus (400 Euro), mentre il restante 20% (100 Euro) viene utilizzato come detrazione d’imposta in sede di dichiarazione di redditi.

Per ottenere tale bonus è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica) e faccia la richiesta in forma digitale  tramite l’applicazione dei servizi pubblici APP IO.   Dopo aver inserimento i dati isee,  viene  identificato con  un codice univoco, a cui viene associato un QR CODE, il quale  all’atto del pagamento dovrà essere comunicato all’albergatore che emetterà fattura elettronica o commerciale per i servizi resi.

Per fare un esempio, in caso di servizi pari a 1.000 Euro,  dovuti per   pernottamenti, pranzi e cene, si corrispondono solo 600 Euro, in quanto l’importo di 400 Euro (80% del bonus) concesso come sconto dal titolare della struttura, verrà  utilizzato dallo stesso come credito di imposta per le future compensazioni con i debiti erariali (iva – irpef); mentre la somma di 100 Euro viene utilizzato dal turista come detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi.

Per concludere, anche se il Decreto legge è stato approvato solo il 17 luglio 2020, il Bonus vacanze si applica con effetto retroattivo dal 1 luglio 2020.

 

                                                     avv. Corrado Spina

prof. a contratto Università di Salerno


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Eboli Coronavirus. 14 nuovi casi, sale a 88 il numero dei positivi

Eboli. Ieri sera venerdì 30 ottobre, il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL ha comunicato la guarigione di 3 ebolitani e l'incremento di...

Bellizzi. Resta fermo a 20 il numero positivi al Covid-19. L’ultimo bilancio del sindaco

Nella giornata di ieri, venerdì 30 ottobre, Mimmo Volpe primo cittadino di Bellizzi, con un video messaggio ha aggiornato i sui cittadini...

Salerno. Commemorazione dei defunti, ingressi contingentati al cimitero

Salerno. In occasione della Commemorazione dei Defunti, il prossimo lunedì 2 novembre, il Cimitero Monumentale di Salerno sarà aperto al pubblico dalle...

Salerno. Strianese: “Fondamentale potenziare la Polizia Provinciale”

In questi giorni il Presidente dell’UPI (Unione Province Italiane), Michele De Pascale, è intervenuto in video conferenza all’Audizione promossa dalla Commissione Affari...

Castellabate. Cimitero, i nuovi orari dal 31 ottobre al 2 novembre

Il Sindaco f.f., Luisa Maiuri, ha appena firmato l’ordinanza N. 57 del 29 ottobre 2020 che dispone alcune misure da seguire per...