lunedì, Gennaio 25, 2021

Lorenzo il Magnifico trascina il Napoli. Insigne si prende il derby

“È stata una bella partita, dura. Sono contento per il risultato e anche per la bella prestazione di mio fratello. Gli faccio i complimenti. Cosa ci siamo detti? Che avevo fatto gol con il suo piede, il sinistro, che io ho migliore del suo. Ovviamente stavamo scherzando”. Le parole a caldo dell’uomo derby, Lorenzo Insigne.

Il capitano azzurro si è messo la squadra sulle spalle e ha sfoderato una prestazione da vero leader trascinando i suoi. Il Napoli regala al Benevento i primi 30 minuti del match, non riuscendo quasi mai ad impensierire le streghe. Osimhen e Mertens sembrano avulsi dal gioco perché la squadra di Pippo Inzaghi non concede loro la profondità.  

“Nel primo tempo eravamo sempre lunghi – Gattuso analizza la partita – nella ripresa la palla circolava veloce e li abbiamo messi in grandissima difficoltà”

Lo scarso movimento senza palla dei quattro davanti, così come già visto contro l’Az Alkmaar, provoca il vantaggio degli avversari. Inizia la favola della famiglia Insigne, con Roberto che da due passi infila Meret per il suo primo gol in serie A. L’emozione per il numero 19 del Benevento è incontenibile e scoppia in un pianto sommerso dall’abbraccio dei compagni di squadra.

I partenopei, preso lo schiaffo, reagiscono proprio con Lorenzo, che non vuole perdere la sfida di famiglia. Il 24 azzurro va ad un passo dal gol con un magnifico tiro a giro stoppato dal volo di Montipò. Il portiere belle streghe si esalta e respinge gli assalti azzurri.

Il Napoli rientra in campo deciso a ribaltare il match e trova subito il pareggio, ma l’urlo di Lorenzo viene messo a tacere dal Var che annulla per fuorigioco. L’azzurro non si perde d’animo e dopo l’ennesima parata di Montipò si inventa un gol capolavoro. Un tiro a giro sotto la traversa di sinistro, magnifico!

La verve del capitano e gli ingressi dalla panchina di Politano e Petagna completano la rimonta. Dribbling, corsa e passaggio smarcante per l’ala, tap-in vincente per il bomber.

“Questa è una squadra veramente forte – Petagna, sulla forza della rosa – negli allenamenti c’è un ritmo altissimo, le partitelle in allenamento sono tutte tirate. Più competizione c’è, più si migliora”

La maledizione dei legni non abbandona mai il Napoli che centra la traversa con Manolas e l’incrocio con Politano. Altra sfortunata abitudine è il solito rigore negato, con la Var silente che non vede l’intervento da ultimo uomo in area su Lozano nel primo tempo.

Pippo Inzaghi è comunque soddisfatto della partita giocata dai suoi ragazzi: “Il Napoli è una squadra da scudetto e vederli esultare tanto a fine partita per questo risultato ci deve riempire di orgoglio perché vuole dire che se la sono vista brutta”

Gattuso felice per la reazione risponde a modo suo sulla questione rinnovo: “Io sono contento di lavorare a Napoli, ma voglio essere libero e voglio lavorare con tranquillità. Se il presidente mi dice di firmare un contratto di sei mesi lo firmo subito”

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola, Foulon (19′ st Maggio); Dabo (19′ st Improta), Schiattarella, Ionita; R. Insigne (32′ st Di Serio), Caprari (8′ st Tuia); Lapadula (19′ st Sau). Allenatore: Inzaghi

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Ruiz (43′ st Lobotka), Bakayoko (29′ st Demme); Lozano (13′ st Politano), Mertens (13′ st Petagna), L. Insigne (43′ st Ghoulam); Osimhen. Allenatore: Gattuso

ARBITRO: Doveri di Roma

MARCATORI: 30′ pt R. Insigne (B), 15′ st L. Insigne (N), 22′ st Petagna (N)

NOTE: Il Var ha annullato al 3′ st un gol a L. Insigne (N) per fuorigioco. Ammoniti: Caprari, Foulon, Glik (B); Politano (N). Recupero: 1′ e 6′

Mauro De Santishttps://www.lapennadelpartenopeo.com/
Ciao sono Mauro, ho deciso di scrivere per me stesso. Solitamente le persone decidono di condividere i propri pensieri per gli altri, per un innata esigenza di approvazione. Ecco io devo sfamare unicamente la mia passione che a volte fatica a rimanere nelle consuetudini del buon giornalista. Amo lo sport, il calcio e la mia certificata fede partenopea. Dai campetti di periferia all’inchiostro di una penna… Cosa leggerete? Notizie, spunti, intuizioni. Uno sguardo analitico e tattico, un approccio professionale e passionale, a 360° sullo sport più bello del mondo. Giusto? Sbagliato? Interessante? Questo lo deciderete voi: “Si scrive soltanto una metà del libro, dell’altra metà si deve occupare il lettore” (Joseph Conrad)

Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Caserta. 22enne con deficit cognitivo picchiata e violentata, arrestate 3 persone

Maddaloni (Ce). La Procura della Repubblica presso il Tribunale Santa Maria Capua Vetere ha fatto arrestare dagli agenti del Commissariato di Maddaloni...

Pontecagnano. Autobus di linea senza revisione, sequestrato dalla Polizia Stradale

La Polizia Stradale, nell’ambito dei servizi disposti dalla superiore direzione compartimentale, nel  fine settimana, ha sequestrato un autobus di linea con a bordo...

Asd Battipagliese Volley sconfitta nella prima di campionato

Sconfitta l’Asd Battipagliese Volley nella prima partita del campionato nazionale di B2 femminile girone M2. Dopo un lungo stop a causa del...

Battipaglia. Scuola Salvemini, stamattina il rientro in classe (Video)

Battipaglia. Finalmente si riaprono le classi dell'Istituto Comprensivo della Scuola Salvemini. Rientrano a scuola quarte, quinte elementari e il ciclo delle scuole...

Savona. Maltrattamenti in una RSA, la Guardia di Finanza arresta 3 operatrici socio-sanitarie

Militari del Comando Provinciale Guardia di Finanza di Savona, stamani hanno dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare (arresti domiciliari) emesse...