venerdì, Luglio 19, 2024

Parigi protesta contro la legge sulla sicurezza. I black-bloc mettono a ferro e fuoco la metropoli.

Parigi. Ieri i black-bloc – diverse centinaia – hanno messo a ferro e fuoco la metropoli. Hanno preso fin dall’inizio la testa del corteo contro la legge sulla sicurezza scatenando subito la guerriglia. Un quartiere è stato devastato, quello di Gambetta, a pochi metri dallo storico cimitero del Pere Lachaise con decine e decine di vetrine spaccate, locali saccheggiati, supermercati svuotati, auto e motorini in fiamme. Violenza e incidenti ovunque, particolarmente gravi anche a Nantes e Lione. Dopo gli incidenti di sabato scorso, la protesta contro l’articolo 24 – che vieta di filmare e pubblicare foto di poliziotti in azione – e contro l’insieme della legge sulla ‘sicurezza globale’ si è trasformata in una rivolta violenta.

La manifestazione convergeva con quella contro la “precarietà”. E a differenza del passato, non erano pochi i violenti, né marginali: almeno 500 le persone tutte coperte di nero, pronte allo scontro fisico con la polizia, che hanno impedito di fatto a circa 5.000 manifestanti di raggiungere la place de la République. Sarebbero state fermate 60 persone. La polizia ha blindato gli accessi al centro di Parigi e in particolare al Marais.

Articoli simili

SEGUICI

18,020FansMi piace
1,960FollowerSegui
917IscrittiIscriviti

Ultimi articoli