domenica, Maggio 26, 2024

Basket. La Freebasketball Angri vince 63-71 contro la Todis Salerno ’92

Nella seconda gara della fase ad orologio le granatine cedono il passo 63-71 alla Freebasketball Angri dopo un supplementare. Grandissima prova per le granatine, decimate dagli infortuni.

Al PalaSilvestri l’intensità è altissima fin dagli albori del match, preceduto dal doveroso raccoglimento in memoria delle vittime del Covid nel weekend della giornata nazionale dedicata. Sblocca Angri con Sapienza, raddoppia Manna, poi De Mitri, Mancuso e Valerio per il 6-4 di metà periodo. Dopo una partenza timida, la Todis inizia a costruire bene. Berenyte e ancora il capitano mettono la firma, poi una distrazione difensiva su una rimessa porta Sicignano a prendere la mira e a infilare la tripla del -3. Tolardo sugli scudi nel finale, al 10’ è tutto in equilibrio: 12-11.

Subito De Nicolo a segno nel secondo periodo, le ospiti restano a strettissimo contatto e mettono il muso avanti con Mazzullo, con Berenyte che risponde da tre e viene imitata poco dopo dalla scatenata De Nicolo che porta Salerno al +8, prima della tripla di Manna del 22-19 al 16’. Angri non esce affatto dalla partita, fuori (per infortunio) ci va invece De Nicolo, accorciando ulteriormente le già risicate rotazioni. Serve un assist al bacio di De Mitri per la cecchina Mancuso che dalla lunga distanza fa 29-21 a un minuto e mezzo dall’intervallo lungo.

A segno anche Capriati in contropiede e Opacic per l’allungo (33-22) di metà partita. Salerno sonnecchia al rientro e Stoyanova mette 5 punti; con i tre sul filo dei 24 per Tolardo, a 7’:30” precisi (33-30) Russo chiede timeout. Reazione De Mitri e… pareggio di Manna ancora da tre per il 35-35 di metà quarto. Il confine dei 6,75 fa esaltare ancora la 7 di Salerno e poi Tolardo e la partita diventa bellissima, con risposte colpo su colpo. Inevitabile la perfetta parità alla
mezzora (49-49). Mano ancora caldissima per Manna a inizio quarto periodo per il 51-54.

Angri affonda, a 5’ dalla sirena è avanti 55-59. Salerno non si sgretola, con Opacic fa 60-63 a 60” dalla fine. I deboli di cuore lasciano il PalaSilvestri Salerno va a -1 con sette secondi e rimessa a favore: De Mitri prende fallo ma segna
un solo libero e si va all’overtime sul 63 pari. Todis sfinita: Stoyanova da tre e Sapienza dalla lunetta svuotano definitivamente il serbatoio delle ragazze di coach Russo.

“Partita a strappi, avevamo interpretato forse con troppa foga il dover correre, abbiamo perso troppe palle che dovevamo gestire meglio contro l’utilizzo del corpo delle avversarie – dice l’allenatore – L’avevamo messa in cantiere nei primi due quarti sul +11, ma abbiamo sofferto nell’uno contro uno: non sono contento della tenuta difensiva. A due secondi dalla fine abbiamo avuto il tiro per vincere, abbiamo recuperato dal -6 all’ultimo minuto e fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità, considerando anche le rotazioni cortissime dopo la perdita anche della giocatrice forse più brillante sugli esterni, De Nicolo. È un momento di difficoltà, dobbiamo provare a vincere le altre due e poi farci trovare pronti per la semifinale playoff”.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli