domenica, Luglio 21, 2024

Salerno. Associazione per delinquere e spaccio di sostanze stupefacenti, arrestate 8 persone

Stamattina i Finanziari dei Comandi provinciali di Salerno e di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura, nei confronti di 8 soggetti, di cui 6 in carcere e 2 ai domiciliari, per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed altri correlati.

L’indagine – spiega la Procura in una nota stampa – trae origine dalle risultanze acquisite nell’ambito di una più ampia ed articolata attività di polizia giudiziaria, concernente alcuni eventi nel Comune di Nocera Inferiore, con particolare riferimento all’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco contro l’abitazione del figlio di un soggetto sospettato di ricoprire un ruolo apicale nell’ambito della criminalità organizzata dell’agro nocerino sarnese, all’epoca dei fatti sottoposto all’obbligo  di dimora nel Comune di Scalea, presso il complesso residenziale denominato Parco Roma.

Le attività di indagine, svolte dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Salerno, hanno consentito di ipotizzare l’esistenza di un gruppo delinquenziale, dedito alla commercializzazione di sostanze stupefacenti, capeggiato da Domenico TAMARISCO, alias Nardiello, con precedenti specifici e sottoposto alla sorveglianza speciale di P.S. nel Comune di Scalea.

Secondo la prospettazione accusatoria, formulata allo stato delle indagini e condivisa dal Gip, l’indagato oplontino si sarebbe posto quale elemento di collegamento tra soggetti riferibili a clan di Torre Annunziata ed altri affiliati a cosche calabresi operanti nel reggino, con lo scopo di reperire ingenti partite di cocaina, a prezzi di favore, da trasferire in Campania.

In particolare, Tamarisco nonostante la misura di prevenzione personale, si sarebbe servito di sodali calabresi conosciuti durante la sua permanenza a Scalea, in modo particolare di Rovito Gianluca e Pietro Santagada, per essere scortato ad un summit organizzati in Campania, con esponenti della criminalità dell’agro-nocerino, oplontini e partenopei, con i quali avrebbero intrattenuto illeciti affari.

Sempre secondo l’ipotesi accusatoria, da riscontrarsi nel prosieguo delle indagini e dell’eventuale giudizio. La struttura del gruppo criminale avrebbe previsto un’articolata e rigida ripartizione di compiti tra i partecipanti, tra i quali Tamarisco Domenico avrebbe ricoperto una posizione di vertice e di coordinamento dell’attività dei sodali, occupandosi dell’approvvigionamento della droga, mentre i calabresi Rovito e Santagada ed il nocerino Maiorino si sarebbero occupati del trasferimento dello stupefacente dalla calabria al territorio campano.

A riscontro degli ipotizzati illeciti trasferimenti di stupefacenti, le fiamme gialle del nucleo PEF di Salerno, unitamente a quelle del nucleo PEF di Napoli, il 13 gennaio 2022, sottoponevano a controllo un’autovettura, procedendo al sequestro di sei panetti di cocaina, per un peso complessivo, al lordo del confezionamento, di oltre sette chilogrammi, abilmente occultati all’interno di vani situati nel bagagliaio e sotto il cruscotto.

Lo stupefacente, dal valore di mercato di oltre 4 milioni di euro sarebbe stato destinato, secondo quanto ritenuto dagli inquirenti, ad esponenti della criminalità organizzata dell’area oplontina e dell’agro-nocerino.

Tra le contestazioni mosse a Tamarisco vi è quella relativa all’acquisto di un carico di 200 chilogrammi di cocaina provenienti dal territorio calabrese.

Articoli simili

SEGUICI

18,020FansMi piace
1,960FollowerSegui
917IscrittiIscriviti

Ultimi articoli