lunedì, Maggio 20, 2024

Battipaglia. Basket. A1 femminile Techfind, vittoria della Pb63 contro la Virtus Eirene Ragusa per 91-87

Al PalaZauli, nell’incontro valevole per la ventiseiesima (ed ultima) giornata della regular season del campionato di Serie A1 Femminile Techfind, vittoria di straordinaria importanza per la O.ME.P.S. Battipaglia che superando, per la prima volta in massima serie, la Virtus Eirene Ragusa, conquista un successo che le consente, sul filo di lana, di scavalcare il Sanga Milano in classifica. Ora, per le biancorancio, ci sarà da affrontare Faenza nel primo turno dei Play-Out. Risultato finale: 91-87 dopo 2 tempi supplementari.    

La cronaca.

Ottima la partenza delle padrone di casa che, grazie agli spunti di Johnson e Ferrari (7 e 5 punti rispettivamente in apertura), trovano l’immediato allungo su una Ragusa tra le cui fila è di spessore l’impatto sul match di Jakubcova (5 i suoi punti). Al 5’, Battipaglia è avanti di 7 (14-7). Nella parte centrale della frazione inaugurale, esaltante botta e risposta tra Miccoli e Potolicchio che poco modifica nell’inerzia (+6 interno al 7’, 17-11), ma regala giocate di qualità. Nella parte conclusiva di un vivace primo periodo, sono le ospiti a fare decisamente meglio: le siciliane, con Chidom in evidenza, recuperano quasi per intero il gap accumulato in precedenza. Al 10’, la O.ME.P.S. è avanti di 2 (19-17).   

Riavvicinatesi nel punteggio, le due compagini danno vita ad una seconda frazione avvincente ed equilibrata che, quasi per la sua interezza, vede le contendenti viaggiare punto a punto ed alternarsi più volte al comando.  Sono Seka e Johnson da una parte e Chidom e Pastrello dall’altra a regalare le giocate più rilevanti nel quarto. Ma, come detto, l’equilibrio ha caratterizzato quasi per intero il periodo: quasi, perché, nell’ultima parte del primo tempo, le biancoverdi trovano l’allungo, con ancora Chidom e Pastrello sugli scudi. All’intervallo lungo, Ragusa è avanti di 6 (29-35).        

La contesa, già molto interessante, si vivacizza ulteriormente nel terzo quarto. Battipaglia, generosa, prova a ricucire lo strappo, sfruttando la verve di Domenger e Smorto. Ma, dall’altra parte, Chidom e Pastrello continuano ad esprimersi su livelli altissimi consentendo alla Passalacqua di guadagnare terreno (+11 al 25’, 34-45). Le padrone di casa non si danno per vinte e, con Potolicchio e Smorto, riducono le distanze (-7 38-45) prima dell’ulteriore allungo di una Ragusa che non vuol concedere spiragli alla risalita biancoarancio (40-49 al 28’). Nell’ultima parte della frazione, la O.ME.P.S. prima scivola a -10 (42-52, tripla Juskaite) poi guadagna qualcosa grazie a Yurkevichus. Al 30’, il vantaggio esterno è di 7 lunghezze (45-52).   

In un continuo crescendo emozionale, l’ultima frazione regala numerosi brividi. Ferrari, con un triple pesantissime, spinge le padrone di casa a credere nella rimonta (51-56 al 33’). Le ospiti, però, non si fanno intimorire e, con Jakubcova e Thomas, respingono l’assalto di Battipaglia anzi, tornano a guadagnare spazio (+7 al 36’, 56-63). Le biancoarancio, a quel punto, intensificano  il loro ritmi producendosi in una esaltante rimonta che ha per protagoniste Domenger (61-65), Seka (63-65) e Ferrari (2/2 dalla lunetta, 65-65). Nell’ultimo minuto, sportivamente drammatico, la tensione la fa da padrona, tanto che nessuna delle due compagini riesce a trasformare l’ipotetico match point. Allo Zauli è overtime!  

 Nel primo tempo supplementare, è ottima la partenza delle ospiti che, sull’asse Chidom-Milazzo, volano sul +7 (66-73 al 42’). La O.ME.P.S., però, reagisce prontamente e,  trascinata da Ferrari, a un minuto e mezzo dal termine si riporta sul -1 (72-73). Non è finita. Seka, a un minuto dalla fine, firma il sorpasso interno (74-73). Thomas, col possesso successivo, fa 1/2 dalla lunetta riportando il match in parità (74-74). A quel punto, diventa un thriller: Domenger (75-74), Thomas (75-76), Domenger (78-76), Chidom (78-78) quando mancano 8 secondi.  L’ultimo possesso di Battipaglia non sortisce effetti. Allo Zauli è ancora overtime!    

Questa volta, sono le padrone di casa a fare decisamente meglio: Johnson e Seka, al minuto 48, fanno volare Battipaglia sul +7 (86-79). Per le ospiti, la risalita appare complicata vista l’uscita per falli di una strepitosa Chidom (30 i suoi punti). Le siciliane, in ogni caso, ci provano, aggrappandosi a Milazzo e Miccoli, ma la O.ME.P.S., granitica, resiste anzi, con Seka e Policari, al minuto 49 tocca il +9 (89-81). Finita? Macché! Milazzo e Miccoli, con due triple, riportano la Passalacqua a un solo possesso di distanza (90-87) e, a tre secondi dal termine, Milazzo ha la palla del triplo overtime, ma il suo tentativo viene respinto dal ferro. Allo Zauli, è la O.ME.P.S. Battipaglia ad aggiudicarsi una maratona durata 50 minuti con il punteggio di 91-87.           

RISULTATO FINALE 91-87 d2ts (19-17; 29-35; 45-52; 65-65; 78-78; 91-87).

TABELLINO DEL MATCH:

O.ME.P.S. Battipaglia

Seka 16, Potolicchio 8, Mini NE, Chiapperino NE, Yurkevichus 5, Policari 3, Smorto 6, Chiovato NE, Johnson 19, Milani NE, Domenger 12, Ferrari 22. Coach: Dragonetto.  

Virtus Eirene Ragusa

Thomas 6, Antonelli NE, Trovato NE, Milazzo 7, Jakubcova 9, Pastrello 12, Juskaite 10, Miccoli 13, Chidom 30, Nikolic. Coach: Lardo.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli