venerdì, Giugno 21, 2024

Battipaglia. Polemica sulla gestione dei servizi sociali: I consiglieri di minoranza presentano interrogazione

Comunicato Congiunto dei Consiglieri di Minoranza

Mirra, Immediata, Provenza, Marino, Zottoli, D’Acampora, Cuozzo, Anzalone, Balestrieri

Un’interrogazione per fare luce sulla gestione dei servizi sociali, priva della necessaria trasparenza. Questa è l’ultima iniziativa dei consiglieri di minoranza, frutto di un’azione corale avviata durante il consiglio comunale dello scorso 17 aprile, nel quale il consigliere Anzalone comunicò, all’insaputa anche di numerosi consiglieri di maggioranza, la nomina dell’Assessore alle Politiche Sociali Francesca Giugliano a Presidente del Consiglio di amministrazione del neocostituito Consorzio “Tusciano Solidale”, avente lo scopo di gestire i servizi erogati dal Piano Sociale di Zona S04_1. Nomina che sottenderebbe profili di illegittimità alla luce dell’attuale incarico in giunta della Giugliano, a detta dei Consiglieri firmatari dell’interrogazione che riportano, a sostegno di questa tesi, una delibera ANAC e diversi riferimenti normativi, come sottolineato anche nello scorso consiglio comunale dal Consigliere Immediata.

Questa vicenda, d’altronde, costituisce solo l’ultimo tassello di una gestione dei Servizi Sociali lacunosa e densa di errori. A tutti è nota, difatti, la vicenda del taglio delle ore per il servizio di assistenza specialistica degli alunni con disabilità, oggetto di una dura lotta in consiglio comunale e nelle aule del tribunale, che ha visto soccombere l’Ente a fronte dei ricorsi promossi dai genitori degli alunni nonché condannato al pagamento delle spese legali. A questo episodio si aggiunge quello del mancato pagamento degli assegni di cura, sottolineato dal consigliere Provenza nel corso dell’ultimo consiglio comunale, durante il quale si è avuta notizia che alcuni atti del Consorzio non siano stati pubblicati dopo tre settimane dall’adozione, aspetto evidenziato anche nell’interrogazione.

L’interrogazione riassume una vicenda che rappresenta l’ennesima pagina triste per la nostra città” – conclude il consigliere Maurizio Mirra – “Città abbandonata a sé stessa da una amministrazione costituita da un ristretto cerchio magico intento unicamente ad occuparsi di incarichi ed inaugurazioni, insensibile a tutto ciò che accade all’esterno del palazzo e sorda a alle richieste di visione, vivibilità ed impegno provenienti dalla società civile e dalla maggior parte degli stessi consiglieri comunali, inclusi quelli di maggioranza”.

Articoli simili

SEGUICI

17,836FansMi piace
1,950FollowerSegui
912IscrittiIscriviti

Ultimi articoli