martedì, Luglio 16, 2024

Battipaglia. Scoppia il caso dispensario farmaceutico. Guerriero dà mandato ai propri legali dopo l’annullamento dell’Avviso pubblico

Si ingarbuglia la vicenda amministrativa sul dispensario farmaceutico ubicato in litoranea dopo l’esposto presentato dall’amministratore della Farmacia Schiavo Pesce Srl.

La discussione è stata affrontata, per pochi secondi anche nell’ultimo Consiglio comunale di sabato scorso dalla prima cittadina, che in aula ha riferito “sarà il dirigente Caso e gli altri funzionari ad accertare cosa sia veramente successo e probabilmente sarà adottato un provvedimento in autotutela poiché veramente sono stati scambiati dei numeri”.

Il provvedimento in autotutela è giunto puntuale e rapido ma non nella direzione auspicata da Felice Guerriero, nella sua qualità di amministratore della Farmacia Schiavo Pesce, che ha denunciato in un esposto la mancanza di autorizzazione del dispensario farmaceutico affidato dal Comune alla farmacia Aulisi da circa 4 anni

La Farmacia Schiavo Pesce l’unica a partecipare all’Avviso del 17.5.2024 per la gestione del dispensario farmaceutico a Lago Mare si è vista annullare la gara in autotutela (sicuramente vinta dalla stessa per i requisiti posseduti e richiesti) proprio dal dirigente del settore.

Una decisione scaturita dal fatto che un operatore avrebbe richiesto una modifica della pianta organica e ciò potrebbe determinare una nuova regolamentazione, facendo venir meno l’esigenza del dispensario. Pertanto,un’assegnazione alla Schiavo Pesce potrebbe causargli un danno, esponendo il Comune a una richiesta di risarcimento (questo in sitesi la motivazione del dirigente).

Guerriero ad ogni modo vuole vederci chiaro nella vicenda e attraverso i suoi avvocati ha chiesto l’accesso agli atti, con la reiterazione di una serie di domande a cui attende risposta.

Lo stesso ritiene vi siano incongruenze relative alle autorizzazioni e nel caso non ci fossero, pretende lumi su come sia stato possibile che il dispensario farmaceutico abbia potuto operare nel territorio comunale per ben 4 anni.

Guerriero ribadisce, per mezzo dei suoi legali, la necessità di garantire trasparenza amministrativa, correttezza ed imparzialità, in una vicenda che sicuramente avrà dei risvolti giudiziari.

Articoli simili

SEGUICI

18,020FansMi piace
1,960FollowerSegui
917IscrittiIscriviti

Ultimi articoli