martedì, Agosto 16, 2022

Templi di Paestum. Quel jazz che venne dal mare.

Il cartellone Musica ai Templi allestito da Gaetano Stella e organizzato dalla sua Animazione ’90 ha affidato l’evocazione di quei tempi, attraverso l’esecuzione della musica della swing craze, in quei luoghi ove settantaquattro anni fa sbarcarono gli alleati, letture di lettere di militari redatte alle vigilia dello sbarco e immagini storiche, alla Big band Swingtime, diretta dal M° Antonio Florio. Il piatto forte di questa sera, venerdì 8 settembre, che si svolgerà al fianco del Tempio di Nettuno a partire dalle ore 21, sarà, naturalmente, il portrait di Glenn Miller, musicista simbolo dello sbarco quanto il boogie, con il celebrato In The Mood, divenuto un vero e proprio inno della liberazione nel mondo. Tra le varie performance del jazz ritmato dell’ “era dello swing”, si comincerà con “It Don’t mean a Thing if ain’t got that Swing”, pezzo di Duke Ellington che ha dato appunto il nome a questo periodo, poi Mood Indigo, Caravan,Echoes of Harlem, Prelude to a kiss, un omaggio all’inimitabile suono del sax alto di Johnny Hodges, la Donna ellingtoniana nella sua Sophisticated Lady, e ancora, CountBasie con Splanky, Randy Brooks evocato da Harlem Nocturne, il clarinetto dal suono classico di Benny Goodman e la sua orchestra sulle note di Don’t be that Way e la potenza dell’orchestra di ChickWebb con Stompin’ at the Savoy. Gran finale con un brano altamente simbolico: Sing, sing, sing ! composto da  Louis Prima nel 1936. Questo messaggio di pace ci giungerà dagli strumentisti della Big band Swingtime, vedrà schierati ai sassofoni Giuseppe Plaitano ( alto e clarinetto), Francesco Florio (alto), Umberto Aucone e Maurizio Saccone (sax tenore), Nicola Rando ( sax baritono), alle trombe Giuseppe Fiscale, Mauro Seraponte, Nicola Coppola e Raffaele Improta, ai tromboni Alessandro Tedesco, Raffele Carotenuto, Umberto Vassallo, al pianoforte Antonio Perna, al doublebass Antonello Buonocore e alla batteria Domenico De Marco. Solista e conductor Antonio Florio, con loro nell’incanto del palcoscenico al fianco del tempio di Nettuno, Olga Chieffi, ideatrice del racconto storico-musicale con la partecipazione speciale di Gaetano Stella e Gabriel Zuchtriegel, curatori delle letture.


Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
80FollowerSegui

Ultimi articoli