lunedì, Settembre 26, 2022

Felicità e spettacolo: tutto pronto per Salerno Letteratura

La felicità la rivoluzione: questo il tema scelto per i primi dieci anni di Salerno Letteratura, in programma dal 18 al 25 giugno. Tantissimi eventi animeranno il centro storico di Salerno con ospiti di primissimo piano tra i quali André Aciman, Massimo Cacciari, Massimo Popolizio, Ingo Schulze, Mariangela Gualtieri e tanti altri.

Tante le novità, a partire dalle sezioni del festival che diventano dieci proprio in occasione del decennale: Pasoliniana; Ferite della nazione, il cantiere della riflessione storica, nato in collaborazione con l’Università di Salerno; Finzioni/Il mondo narrato; Classica; Sguardi sul mondo attuale – (Economia/ scienza/ politica); Salerno Filosofia; Summer School; Spazio ragazzi.

Si conferma la Summer School in una edizione più ricca e tutta nuova. Cinque giorni, 25 ore e tre indirizzi separati: Sceneggiatura, in collaborazione con l’Università LUISS Guido Carli di Roma; Giornalismo culturale con il Collettivo scomodo e iltuogiornale.it e Retorica con Roberto Lombardi. Si aggiunge poi un percorso formativo comune curato da il DipSUm e il DisUFF dell’Università degli studi di Salerno.

Inoltre, i ragazzi potranno concorrere ad una borsa di studio assegnata dalla LUISS per frequentare la loro Summer School a Roma.

“Anche quest’anno abbiamo provato a dare un senso il più possibile coerente alle sezioni del festival. Nessuna sudditanza verso i diktat dell’editoria, dunque, ma un lavoro culturale che anteponga i contenuti e i temi alle occasioni contingenti. Certo, c’è sempre il ritmo frenetico dei festival, ma non disgiunto da spazi di riflessione. Si consolidano Salerno Filosofia e Classica, che hanno dato buona prova nell’edizione passata – spiega il direttore artistico Gennaro Carillo – Molto teatro, poi, nella forma semplice che le ristrettezze ci consentono di adottare. Non per fare concorrenza ad altri festival, che il teatro lo hanno nella propria ragione sociale, ma per la convinzione che il teatro è anche letteratura, in quanto tale una formidabile chiave di accesso alla realtà. Letteratura che non è una monade ma il sintomo di un clima, di un contesto, di un tempo. Di qui l’importanza di una sezione, Sguardi sul mondo attuale, che quest’anno si arricchisce di una serie di incontri dedicati all’economia. Ovviamente intesa in un senso che si concilia con l’impianto del festival”.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
80FollowerSegui

Ultimi articoli