giovedì, Giugno 30, 2022

Ravello. Convenzione di Faro, l’AIB analizza i 17 punti dell’Agenda ONU 2030

Ravello, Auditorium Oscar Newmayer. Il Convegno dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche) sulla Convenzione di Faro ha posto in luce la necessità di passare alla concreta declinazione del suo dettato.
Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali (Ravello) ha volentieri affiancato la Presidente Rosa Maiello e lo Staff di AIB, partner che storicamente ha esercitato e tuttora svolge nel Paese un’alta e utile funzione. Dalle due intense giornate di lavoro – grazie al contributo di studiosi di riconosciuto prestigio e di autorevoli personalità istituzionali – sono emersi contenuti e concreti spunti operativi: una sorta di decalogo che AIB porrà all’attenzione dei decisori locali suggerendo di non limitarsi a recepire lo spirito della Convenzione di Faro sul valore dell’eredità culturale per la società, ma di tradurlo in programmi e buone pratiche nei territori, rendendo protagonisti i cittadini e le Comunità di patrimonio. L’intento, manifestato già nel titolo del Convegno, è di “intrecciare” tali attività con alcuni dei 17 punti dell’Agenda ONU 2030, al fine di costruire politiche di sviluppo sostenibile a base culturale anche cogliendo le opportunità del PNRR. Durante l’articolato intervento conclusivo Giampaolo D’Andrea, Consigliere del Ministro della Cultura Dario Franceschini, ha commentato e esaltato proprio tali obiettivi, nell’apprezzare vivamente il taglio del convegno prefigurandone le significative ricadute che potrà produrre.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
79FollowerSegui

Ultimi articoli