venerdì, Febbraio 3, 2023

Battipaglia. Delega sul Puc, Nicola Vitolo si dimette dal direttivo del Pd (leggi la lettera)

Al Presidente
Alla Segretaria
Al Gruppo Dirigente
del Circolo del PD di Battipaglia

Oggetto: Dimissioni dal Direttivo.

Il Sottoscritto Nicola Vitolo, componente del Direttivo del Circolo PD di Battipaglia, rassegna le proprie dimissioni dall’Organismo in indirizzo.
Tuttavia, corre l’obbligo fare chiarezza in ordine alle polemiche scaturite in relazione alla mia nomina di supporto per la formazione del PUC del Comune di Battipaglia e dall’averla accettata con scienza, coscienza, dignità e, soprattutto, per via dell’amore che mi lega al mio territorio.
Chiarimento dovuto, se non altro, per evitare imbarazzo nei confronti del Partito Democratico; in riferimento alla richiesta da parte di una Amministrazione dove il PD è all’opposizione.
In più occasioni e, ampiamente in anticipo, è stata discussa la posizione del sottoscritto -anche all’interno del gruppo dirigente- rispetto a questo impegno, che non aveva e non ha nulla a che vedere con il coinvolgimento del Partito Democratico.
Ho manifestato la Responsabilità di guardare al bene comune anche quando può significare un sacrificio personale.
Tanto è che la propria disponibilità era vincolata a due condizioni: 1) gratis, 2) il partito in questo
percorso, non doveva essere coinvolto.
Ho tentato, senza riuscirci, di evidenziare che era ed è necessario ridiscutere la disciplina per cambiare mentalità, per formare e condividere un nuovo modo di pensare l’urbanistica, di redigere un piano e di confrontarsi con la città, nella consapevolezza dell’urgenza e della necessità di costruire un solido sostegno Politico e Sociale, capace di durare un tempo sufficiente.
La Pianificazione -non l’edilizia- entra nella vita della città attraverso un miscuglio eterogeneo di azioni, la cui coerenza, o incoerenza, quando riesce, prende vita nel Piano e matura come può nella gestione quotidiana.
La Pianificazione è composta da un insieme di azioni che modificano l’organizzazione del territorio, intervenendo sulla distribuzione della popolazione e delle strutture produttive e delle
infrastrutture di servizio e sui sistemi di relazioni.
Un Piano Urbanistico approvato ha valore di legge locale per guidare i cambiamenti, ma anche un
pessimo piano o la sua assenza, significa un accordo politico, un modo per fare urbanistica fuori da
ogni controllo. Il PUC è un sogno che si concretizza nel tempo. Se non ora quando.
Pertanto, rammaricato, prende atto di una decisione che accetta benché la ritenga incomprensibile.
Nicola Vitolo

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
82FollowerSegui

Ultimi articoli