sabato, Luglio 20, 2024

Battipaglia. Fratelli d’Italia: il taglio all’assistenza soecialistica agli studenti disabili è illegale

Comunicato Stampa del Circolo di Fratelli d’Italia

“Prendiamo atto favorevolmente che tutti siamo solidali al problema dell’assistenza socio-educativa nelle scuole per i ragazzi disabili anche se tutta questa disomogenea e piacevole folla non la si è riscontrata sin da quando il problema si presentò seriamente già nel 2016 in cui le ore assegnate erano 5 e fu risolto brillantemente ma non grazie al clamore strumentale di oggi né tantomeno grazie ad amministratori politici che tutt’oggi sono presenti nelle istituzioni e che allora tacevano ma che ora lanciano proclami .

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza perché a latere della pure importante questione di “opportunità” politica vi è anche quella della, forse, legittimità che in parte noi di Fratelli d’Italia abbiamo già posto all’attenzione ma su cui vorremmo continuare a porre nuovi interrogativi:

  • La delibera del piano di zona n.4/2024 non è un mero atto di indirizzo perché assume decisioni vere e proprie, non si limita a dettare un indirizzo, una direttiva, quindi dovrebbe avere il parere di regolarità tecnica del Responsabile dell’Ufficio di Piano, come prevede l’art. 6 del regolamento del Coordinamento Istituzionale? Ricordiamo che apporre il parere significa attestare che la delibera 4 è conforme alla legge.
  • La composizione del GLO è regolamentata dal D. Interministeriale n. 153/2023 – All.B – che tra le altre cose specifica in modo inequivocabile che un requisito essenziale è che il partecipante abbia una “interazione con l’alunno o con la classe”. Quindi un dirigente comunale o qualsiasi altro funzionario o dipendente comunale può prendere parte al GLO?

Abbiamo ascoltato i sindaci dire che non c’è stata nessuna riduzione delle ore e che le “piccole” problematiche sussistono anche perché il Consorzio, da poco costituito  ma non per colpa degli alunni disabili, non è ancora partito. Ed è bene anche ricordare, al riguardo, che quando eravamo prima con l’Ambito di Eboli e poi con Pontecagnano si è gestito il FUA (Fondo Unico di Ambito) attraverso la convenzione, stipulata perché la legge 328/2000 IMPONE la gestione associata dei servizi sociali.

Riguardo alla riduzione inesistente che , però, esiste al momento qui si configura anche una seconda responsabilità del Responsabile dell’Ufficio di Piano, in quanto  non solo non ha messo un parere negativo sulla delibera del Coordinamento, perché contrastante con la legge, ma vi ha anche dato esecuzione, riducendo le ore secondo la decisione dei sindaci. Alla luce di quanto detto siamo attenti TUTTI a quello che diciamo (rispetto a quello che poi realmente siamo), proclamiamo, autorizziamo, strumentalizziamo ma  almeno non facciamo come a Natale in cui ci proponiamo, solo in quel periodo, di fare i bravi. Poniamo attenzione ed INTERESSE vero SEMPRE alle fasce deboli ed alla disabilità che spesso rimane una parola sulla bocca di tutti ma nel cuore di pochi ma che non dimentichiamo è soprattutto una stato d’essere e che la vita di una persona disabile e della sua famiglia è molto ma molto più complicata della nostra e che li vede costretti ad affrontare molteplici difficoltà il quotidiano  purtroppo gli riserva e che spesso li rende diversi anche in questo oltre che nel loro svantaggiopsico-fisico e sociale”.

Comunicato Stampa – Circolo di Fratelli d’Italia

Articoli simili

SEGUICI

18,020FansMi piace
1,960FollowerSegui
917IscrittiIscriviti

Ultimi articoli