giovedì, Giugno 20, 2024

Salerno. Associazione per delinquere e frode per oltre 300 milioni di euro: arrestate 9 persone

Salerno. Un’importante operazione denominata “Alveare” ha portato alla luce una vasta rete di frode fiscale, culminando con l’arresto di nove persone e il sequestro preventivo di beni per oltre 54 milioni di euro. L’ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Nocera Inferiore su richiesta della Procura locale ed eseguita dai finanzieri del Comando provinciale di Salerno. L’indagine, condotta con l’ausilio dei militari della Compagnia di Scafati e di altre unità specializzate della Guardia di Finanza, tra cui lo Scico e le unità cinofile cash dog, ha svelato l’esistenza di un’organizzazione criminale con ramificazioni in Italia e all’estero. La base operativa era in grado di gestire un complesso sistema di società prive di reale struttura organizzativa e capacità operativa. Queste società venivano utilizzate per emettere e utilizzare fatture per operazioni inesistenti, nonché per fornire liquidità in contanti a imprenditori compiacenti. Oltre ai nove arresti, l’ordinanza ha imposto il divieto di dimora ad un altro indagato. I sequestri hanno riguardato immobili nella provincia di Salerno e beni di valore nelle province di Roma, Milano, Caserta, Napoli, Avellino, Novara, Frosinone e Varese. L’operazione “Alveare” coinvolge complessivamente 64 persone fisiche e 28 società. Le accuse mosse nei confronti degli indagati includono associazione per delinquere, riciclaggio, frode fiscale, truffa aggravata ai danni dello Stato, falso materiale commesso da persone esercenti un servizio di pubblica necessità e responsabilità amministrativa da reato degli enti. Le indagini della Procura di Nocera Inferiore e delle Fiamme Gialle hanno permesso di smantellare un’organizzazione ben strutturata e articolata, che operava principalmente con l’obiettivo di evadere il fisco e truffare lo Stato.

Articoli simili

SEGUICI

17,836FansMi piace
1,950FollowerSegui
912IscrittiIscriviti

Ultimi articoli