sabato, Agosto 13, 2022

Impianto di compostaggio, l’assessore Stefania Vecchio fa chiarezza

Non c’è soluzione di continuità al dibattito apertosi su facebook tra una parte della città e una parte dell’esecutivo del sindaco Cecilia Francese sulla spinosa questione dei rifiuti solidi urbani ed in particolar modo sulla realizzazione all’interno dello Stir di un mega impianto di compostaggio. Sul tema è intervenuta l’assessore all’ambiente Stefania Vecchio, che vuole puntualizzare una serie di aspetti. “E’ una novità – conosciuta a pochi e celata ai più – che anche gli attuali amministratori della Città di Battipaglia hanno dovuto apprendere dalla consultazione degli atti ufficiali reperibili sul sito della Regione Campania, che risale a due anni addietro”. Ci sono due procedimenti, entrambi governati dalla Regione Campania, l’uno attivato nel 2012 dalla Ecoambiente, e l’altro attivato nel maggio 2016 dalla Regione Campania che si innesta nel procedimento precedente e lo conclude. “La società EcoAmbiente Salerno SpA, in data 02.03.2012, con nota prot. n. 0165425, ha inoltrato istanza alla Regione Campania per ottenere una modifica alla Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata con O.P.C.M. n. 300 del 31.12.2009 e di adeguamento dell’impianto STIR di Battipaglia che prevedeva, tra l’altro, la realizzazione di un impianto di compostaggio aerobico per la frazione organica da raccolta differenziata”. Di seguito alla entrata in vigore del D.Lgs 46/2014, la istanza di rinnovo presentata da EcoAmbiente è stata intesa quale riesame con valenza di rinnovo.
Si sono tenute tre conferenze dei servizi, la prima il 16 maggio 2014, la seconda il 15 settembre 2014, la terza il 20 marzo 2015. “Il Comune di Battipaglia ha avuto notizia del procedimento in atto solo nel 2014, allorquando è stato invitato a partecipare alla conferenza dei servizi, alla prima delle quali non ha presenziato. Alla conferenza dei servizi del 15 settembre 2014 il funzionario comunale partecipante ha rappresentato“la necessità che vengano adottate adeguate misure per il contenimento delle emissioni odorigene, attese le lamentele da parte di numerosi cittadini in merito, così come già evidenziato con precedenti note” e, di seguito, a quella del 20 marzo 2015 ha espresso il parere favorevole all’intervento”.  Con Decreto Dirigenziale n. 190 del 11.08.2015, pubblicato nel BURC n. 51 del 17.08.2015, lo STIR è stato autorizzato, tra l’altro, ad aumentare le quantità di rifiuti da trattare fino a 413.000 tonnellate annue, oltre 144.240 tonnellate annue di rifiuti differenziati da avviare a messa a riserva ,ed a realizzare un impianto di compostaggio aerobico all’interno della struttura per 35.880 tonnellate annue di organico. A questo punto si innesta il secondo procedimento. A seguito di una sentenza della Corte di Giustizia europea del 16.07.2015 nella causa C 653/13, di condanna della Repubblica italiana con riferimento alla gestione dei rifiuti nella Regione Campania, sono stati adottati una serie di atti per ottemperare alla stessa e, tra questi, il 12 maggio 2016 la Regione Campania ha pubblicato un avviso volto ad acquisire – nel termine di venti giorni – le manifestazioni di interesse dei Comuni alla localizzazione della frazione organica.
EcoAmbiente ha risposto autonomamente candidando lo STIR di Battipaglia.
Con delibera della G.R.C. n. 494 del 13.09.2016 si è preso atto della candidatura e si è programmato il finanziamento per la realizzazione del suddetto intervento.
La Regione Campania ha assunto i seguenti atti:- in data 28 marzo 2017, parrebbe essere stato sottoscritto l’accordo di programma tra la Regione Campania ed EcoAmbiente;
– DGRC n. 325 del 06.06.2017 con la quale sono stati rimodulati il costo degli interventi per i lavori allo Stir; – DD. n. 1 del 16.05.2017 con il quale è stato approvato il progetto esecutivo dell’impianto di compostaggio nello Stir; – D.D. n. 21 del 08.06.2017 con il quale sono stati ammessi a finanziamento i lavori per la realizzazione di compostaggio nello Stir;
– D.D. n. 114 del 21.06.2017 con la quale è stata definita la procedura da seguire ed approvato il bando per la realizzazione dei lavori di realizzazione dell’impianto di compostaggio nello Stir;
– pubblicato il bando per la “Realizzazione impianto di compostaggio aerobico da 35.000 tonnellate annue per il trattamento FORSU da costruirsi presso lo Stir di Battipaglia”, CIG 70771909EF, con scadenza per la presentazione delle istanze al 26.07.2017. “Questo è lo stato dell’arte e ciò che appare di una gravità inaudita – conclude l’assessore Stefania Vecchio – è la circostanza che il Comune di Battipaglia non sia stato minimamente informato di ciò che stava accadendo su parte del proprio territorio da alcuno. Il reperimento di parte degli atti sul sito della Regione Campania non ha consentito, allo stato, di sciogliere tutti i dubbi, tanto che è stato necessario presentare una richiesta di accesso alla Regione Campania che ha curato i procedimenti;inoltre si è chiesto all’Avvocatura Comunale di valutare l’iter procedimentale al fine di proporre Ricorso Straordinario al Capo dello Stato. Non si sono, però, tralasciate l’avvio di intese istituzionali recentemente intervenute con la Provincia di Salerno in ordine alla revisione della precedente decisione di Ecoambiente di aumentare il deposito di rifiuti presso lo STIR, senza che – ancora una volta – Battipaglia fosse interpellata. Ben vengano tutti i contributi, ma sforziamoci tutti affinché il dissenso non si areni nella sterile critica, ma proponga spunti di miglioramento, di crescita collettiva: sentimento che dovrebbe essere tanto più avvertito per coloro che si professano depositari dell’amore incondizionato per Battipaglia”.


Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
80FollowerSegui

Ultimi articoli