martedì, Gennaio 19, 2021

Paestum: Seminario della Fai Cisl nazionale su criticità e opportunità del Sud

Si svolgerà domani, giovedì 22 novembre a Capaccio Paestum, il seminario “Rilanciare l’agricoltura attraverso un impegno comune”, organizzato dalla Fai, la federazione agroalimentare industriale e ambientale della Cisl, e dalla Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche. Una giornata di studio che vedrà riunite tutte le federazioni regionali della Fai Cisl del Sud Italia: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia. In apertura dei lavori sono previsti i saluti di Aniello Garone, segretario generale della Fai Cisl Salerno, Vincenzo Conso, presidente della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, Franco Palumbo, Sindaco di Capaccio-Paestum, Doriana Buonavita, segretaria generale della Cisl Campania, Gerardo Ceres, segretario generale della Cisl Salerno, e Francesco Alfieri, consigliere del Presidente della Regione Campania per agricoltura, foreste, caccia e pesca. Seguiranno gli interventi di approfondimento, dedicati all’agroalimentare nel Sud Italia, da parte di Rita Invernizzi, senior specialist marketing solution del Cerved, e Raffaele Tangredi, segretario generale della Fai Cisl Campania, mentre il professore Franco Appi, assistente ecclesiastico generale dell’Icra, associazione rurale cattolica internazionale, terrà un intervento dal titolo “Il lavoro dignitoso nella logica della Laudato Sì”. Le conclusioni sono affidate al segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota. “L’incontro – spiega il leader della federazione – è un’opportunità di studio e di crescita del nostro sindacato, nel solco dei valori e degli obiettivi che ci contraddistinguono, ma anche un contenitore di riflessioni e proposte da rivolgere verso imprese e istituzioni. Il Mezzogiorno contribuisce in maniera fondamentale alla crescita del settore agricolo italiano, eppure le performance sono molto diversificate a seconda dei territori e dei comparti. In un momento come questo, in cui si discute molto sulle scelte di politica economica da adottare per sostenere il Paese, è indispensabile individuare tutti gli strumenti che possono davvero contribuire alla crescita e allo sviluppo sostenibile”. “Per noi – aggiunge Rota – la leva principale rimane il lavoro: rinnovare i contratti nazionali, formulare contratti di secondo livello avanzati e legati alla vocazione dei singoli territori e comparti, incrementare la bilateralità, sono questi i mezzi da mettere in campo. Assieme a investimenti e riforme lungimiranti, che possano favorire il ricambio generazionale e le tutele di lavoratrici e lavoratori. Il Mezzogiorno ha bisogno di buona occupazione e competitività, altrimenti soffre tutto il sistema italiano, e vogliamo contribuire a sciogliere tutti quei nodi che ancora non permettono, al Made in Sud agroalimentare, di esprimere tutte le proprie potenzialità”.

L’incontro si terrà dalle 15 presso l’hotel Ariston, in Via Laura 13. Il giorno seguente, i sindacalisti della Fai Cisl saranno a Bellizzi e Capaccio per visitare alcune aziende agricole del territorio e partecipare ad assemblee con lavoratrici e lavoratori.


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Salerno. Arcidiocesi e Comune attivano uno spazio per i senza tetto

Per i senzatetto e i cittadini in difficoltà nel territorio salernitano, e per far fronte all'ondata di freddo di queste ore, l'Arcidiocesi...

Sabato Virtual Open Day al Ferrari: di Battipaglia (VIDEO)

Virtual Open Day al Ferrari: di Battipaglia, terzo ed ultimo appuntamento fissato per sabato prossimo 23 gennaio dalle ore 16 alle ore...

Elezioni amministrative. Ugo Tozzi: Fratelli d’Italia attende disposizioni dai vertici provinciali (VIDEO)

Continua l’inchiesta politica della nostra redazione sulle prossime elezioni amministrative in città. Dopo aver ascoltato gran parte degli esponenti del centro sinistra,...

Napoli. La Polizia recupera un dipinto di Salvator Mundi del XV secolo

Era in un appartamento di Napoli il "Salvator Mundi", dipinto di scuola leonardesca di ingente valore, risalente al XV secolo e facente...

Procida è capitale italiana della cultura per l’anno 2022

"E' una enorme gioia, Procida è metafora di tante comunità che hanno riscoperto entusiasmo ed orgoglio per i propri territori e vogliono...