mercoledì, Novembre 25, 2020

Battipaglia. 9 aprile 1969, 51 anni dopo la rivolta – Filmato Storico-

 9 aprile 1969, 9 aprile 2020: 51 anni dopo la sollevazione popolare i problemi economici ed occupazionali, con la pandemia del Coronavirus, sono sempre gli stessi: se non addirittura aumentati. Dopo la chiusura delle industrie conserviere Baratta e Gambardella-Rago, che per decenni diedero lavoro ad oltre 2000 operai, la minaccia della chiusura del Tabacchificio metteva a rischio il posto per altre 600 persone. Il primo Governo Rumor, non prese più di tanto in considerazione la questione, sottovalutandola colpevolmente. Le organizzazioni sindacali, con i parlamentari della provincia di Salerno, il sindaco (Domenico Vicinanza) e una delegazione del Consiglio Comunale erano riusciti ad ottenere un incontro  ai Ministeri delle finanze e dell’economia. In appoggio alla trattativa venne organizzato uno sciopero generale, indicendo un comizio in Piazza della Repubblica, preceduto da un corteo. Alla Prefettura di Salerno nei giorni precedenti la manifestazione era giunta notizia di un probabile blocco delle vie di comunicazioni e furono inviati 120 carabinieri e 170 guardie di pubblica sicurezza, in assetto antisommossa. La tragica giornata inizia alle sette del mattino e si svolge in quattro fasi, con un drammatico crescendo alle ore 17,00. I primi scontri tra gli scioperanti e la polizia stradale si verifica alle 7 quando c’è il blocco della Napoli Reggio Calabria. Verso le 9 inizia la seconda fase; il corteo di 1500 persone da Piazza della Repubblica si dirige alla stazione ferroviaria, contravvenendo ai limiti dell’autorizzazione ricevuta. Lo scontro con le forze dell’ordine è violento, i dimostranti avanzano e riescono a prendere possesso dei binari, paralizzando la circolazione ferroviaria. La città è impenetrabile, autostrada, strade e stazione sono sbarrate: non si entra e non si esce. Alle 13 e 30 inizia la terza fase. 120 guardie cercano di entrare in città attraversando l’abitato di Bellizzi, devono desistere perché la strada non è praticabile. Alle 15,00 inizia la quarta fase, la più cruenta. I dimostranti accerchiano i poliziotti, costringendoli alla fuga. La situazione esplode intorno alle 17,00 quando tra la folla inferocita s’è diffusa la notizia che un mezzo della polizia ha ammazzato un bambino. A questo punto precipita ogni cosa. Gli scioperanti fanno una vera e propria caccia al poliziotto, assaltano il Comune, la Pretura e il Commissariato. Quel giorno morirono Teresa Ricciardi e Carmine Citro sotto il fuoco delle forze dell’ordine.

[widgetkit id=”18″ name=”InFamily”]


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
60FollowerSegui

Ultimi articoli

E’ morto Diego Armando Maradona, lo scrive il sito Argentino Clarin

E' morto Diego Armando Maradona, lo scrive il sito argentino Clarin. Il pibe de oro avrebbe avuto una crisi respiratoria nella sua...

Drive Through della Difesa a Maiori

L’Esercito ha attivato da questa mattina un Drive Through Difesa (DTD)  presso il porto di Maiori dove si effettueranno sia tamponi molecolari...

Battipaglia: Concessi i “Ticket Mensa” alla Polizia Locale. La CISL FP “Siamo soddisfatti”

Battipaglia. Ticket mensa anche al personale della Polizia Locale, l’unico settore che ancora non percepiva il benefit. A darne notizie, il Segretario...

Battipaglia. Covid-19: Consulenza di socioterapia telefonica Gratuita. L’iniziativa del Movimento Pro Battipaglia

La Covid-19 non è solo prevenzione, ma anche assistenza a chi è stato colpito dalla pandemia direttamente o indirettamente, per problemi economici...

Battipaglia. Fiamme dal motore di un camion. Un primo intervento evita il peggio

Il fatto è successo ieri mattina intorno alle 10.00, a Battipaglia in via Belluno. Un camion che trasportava materassi stava andando a...