mercoledì, Dicembre 2, 2020

Infrastrutture sociali, 300 milioni di euro per il Sud

Sbloccati i trecento milioni di euro del Fondo infrastrutture sociali per i Comuni del Sud. Con la presa d’atto della Conferenza Stato-Città, dopo un confronto essenziale con l’Anci, è arrivato il via libera al decreto che ripartisce 75 milioni annui, dal 2020 al 2023, direttamente alle amministrazioni locali del Mezzogiorno, privilegiando le città medie e piccole, per nuovi interventi, manutenzioni straordinarie, su scuole, strutture e residenze sanitarie, edilizia sociale, beni culturali, impianti sportivi, arredo urbano, verde pubblico, e altri ambiti della vita sociale. “Grazie a questi trecento milioni le amministrazioni locali potranno investire subito per garantire servizi sociali e spazi pubblici, anche con piccoli interventi che contribuiscono a rilanciare, soprattutto dopo la pandemia, l’economia locale e la qualità della vita” ha dichiarato il Ministro Provenzano, a margine dei lavori della Conferenza. “Il decreto mette al centro i Comuni, e finalmente riconosce risorse adeguate anche ai piccoli e piccolissimi per prendersi cura delle persone e delle comunità, in ragione delle fragilità troppo spesso ignorate da un’azione pubblica che non deve più fare parti eguali tra diseguali”. Il criterio di ripartizione è infatti inversamente proporzionale alla popolazione di riferimento, in modo da garantire anche a un comune di 500 abitanti un contributo totale di 32.000 euro (mentre un comune con popolazione maggiore di 250000 abitanti riceverà un contributo totale pari a 655.000 euro), relativamente maggiore in pro capite. Si abbandona il criterio storico di attribuzione delle risorse e si pone attenzione alle zone deboli del paese per offrire a tutti i cittadini le medesime opportunità. “Grazie a una collaborazione tra il sistema dei Comuni e il governo – ha dichiarato il presidente dell’Anci Antonio Decaro (nella foto) – questo fondo potrà incidere su territori che hanno maggiori bisogni, come i centri piccoli e medi del Sud, e soprattutto in un settore che, mai come ora, ha esigenza di cure, quello del sociale: scuole, verde pubblico,  impianti sportivi, arredo urbano, edilizia sociale potranno godere di interventi piccoli e grandi spesso indispensabili e urgenti. I Comuni sono ottomila centri di spesa diffusi su tutto il territorio. Ogni risorsa che ci viene affidata per realizzare o anche solo apportare migliorie al patrimonio di luoghi in cui si erogano i servizi sociali coglie due obiettivi, entrambi essenziali: migliorare l’aspetto e la fruibilità delle nostre città e paesi e attivare un’immediata circolazione economica a livello locale”.

[widgetkit id=”20″ name=”BCC”]


Articoli simili

SEGUICI

10,235FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Battipaglia. La Fials provinciale denuncia: ospedale a rischio Covid 19

DIREZIONE GENERALEDIREZIONE SANITARIADIREZIONE AMMINISTRATIVAASL SAe p.c. Al Direttore Sanitario del P.O. di BattipagliaAi Lavoratori interessati Oggetto: criticità...

Battipaglia. Covid 19, calano a 406 i positivi

Nuovo aggiornamento sulla situazione covid-19 a Battipaglia. In base agli ultimi aggiornamenti - datati 1 dicembre - confermati dal sindaco Cecilia Francese,...

Pagani. Farmaco Usa acquistato dall’Asl salva la vita ad Arturo

Si conclude felicemente la storia di Arturo, ragazzo di trent’anni affetto da neoplasia uroteliale, senza alternative terapeutiche, per il quale l’unica speranza...

Battipaglia. Tassa sui rifiuti, lo sconto per le imprese va chiesto al Comune entro il 31 dicembre

Tassa sui rifiuti 2020 per le utenze non domestiche, il Comune avvisa che sono previste delle agevolazioni. Attenzione, però, perché le aziende...

Battipaglia. Impianto di biostabilizzazione, Longo scrive al Presidente Strianese

Il via ai lavori per la realizzazione dell'impianto di biostabilizzazione della frazione umida tritovagliata all'interno dell'ex Stir di Battipaglia obbliga ad...