domenica, Aprile 11, 2021

Protesta per le riaperture. Scontri, feriti due poliziotti. Sette i fermi

Scontri in piazza Montecitorio tra manifestanti e polizia durante la protesta di commercianti e ristoratori per chiedere le riaperture. Due poliziotti sono rimasti feriti, sono sette le persone fermate per i disordini.  Lo si apprende da fonti investigative che stanno ancora analizzando i filmati e la dinamica di quanto avvenuto in piazza per valutare eventuali ulteriori provvedimenti. La polizia ha effettuato diverse cariche quando i manifestanti hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell’ordine. Tra i manifestanti che hanno dato vita al sit in davanti alla Camera si sarebbero infiltrati diversi gruppi di estremisti con l’obiettivo di strumentalizzare il disagio sociale e far salire la tensione. E’ la lettura che arriva da fonti investigative che stanno ricostruendo quanto avvenuto in piazza Montecitorio. Tra i manifestanti le bandiere blu di Italexit, il movimento del senatore ex M5S Gianluigi Paragone, e un uomo vestito come l’appartenente al movimento Q-Anon che fece irruzione al Congresso Usa a Washington. Molti dei presenti non hanno indossato la mascherina. “Siamo imprenditori, non delinquenti”. È quanto urlano ai megafoni in piazza Montecitorio i commercianti e ristoratori che manifestano chiedendo riaperture. Al grido “libertà”, decine di persone si sono avvicinate al cordone delle forze dell’ordine con le mani alzate, intonando cori e chiedendo di potersi avvicinare a Palazzo Chigi. In piazza si alternano momenti di tensione a slogan contro il governo. È venuto a manifestare davanti a Montecitorio indossando lo stesso cappello dello sciamano Jake Angeli: Ermes, 51 anni, è un ristoratore modenese che ha una figlia di 20 anni e che dice di essere “aperto da gennaio, perché da un anno non è cambiato nulla, nonostante tutte le chiusure”. E con il volto truccato con i colori della bandiera italiana aggiunge: “Siamo esasperati. Nessuno ci ha mai ascoltato. Mi sono dovuto vestire da pagliaccio per attirare l’attenzione. Spero che ora qualcuno si accorga di noi e ci ascolti. Ho dovuto pagare gli strozzini per pagare i dipendenti”.

Articoli simili

SEGUICI

11,286FansMi piace
61FollowerSegui

Ultimi articoli

Tg News 60 secondi – Edizione 10 aprile 2021-

https://www.youtube.com/watch?v=kfIVDFz_vjY

Battipaglia. Pagamenti digitali, al via la campagna della BCC “Primavera Digital”

Prende il via “Primavera Digital”, la nuova campagna promossa da Banca Campania Centro con l’obiettivo di garantire un risparmio economico concreto alle...

Battipaglia. Covid: 23 positivi e 53 guariti nelle ultime 48 ore

Consueto aggiornamento social da parte della sindaca di Battipaglia Cecilia Francese in merito alla situazione covid in città. Rispetto all'ultimo report -...

Montecorvino Pugliano. Il comune sostiene le attività nel pagamento della TARI

Prosegue l’attività di sostegno da parte dell’Amministrazione comunale di Montecorvino Pugliano nei confronti dei cittadini indigenti e delle attività del territorio. Dopo...

Castellabate. Riqualificazione urbana, approvato il progetto definitivo esecutivo

La Giunta comunale di Castellabate ha approvato con delibera n. 47/2021 il progetto definitivo esecutivo per tre interventi di riqualificazione urbana in...