martedì, Aprile 23, 2024

Battipaglia. Villa Maria, ancora veleni dopo esposti e querele. Valletta denuncia la mancanza dei requisiti per la gestione

Non trova pace la gestione della Casa Albergo di Villa Maria dopo la fuoriuscita dal contratto di avvalimento della Cooperativa La Speranza di Battipaglia. Lasciando il solo Consorzio di Cooperativa Athenala nella conduzione della casa per anziani di proprietà del Comune. Questo ha determinato prima un esposto e dopo una querela alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno. Azioni forti e determinate al fine di richiedere l’accertamento dei presupposti di legge per restare in via Etruria, 10. Dal profilo facebook del Cavaliere Vincenzo Valletta c’è l’ennesima denuncia sul tema, rivolgendo una serie di interrogativi al Comune di Battipaglia.  “Caro Comune di Battipaglia, ufficio tecnico, avvocatura e piano di zona, come al solito in questo paese le leggi le interpretiamo a modo nostro. Parlo dell’affidamento della casa albergo per anziani Villa Maria”. Così nelle prime righe del post a firma di Cavaliere Vincenzo Valletta, che continua concentrando il suo scritto sulla decadenza dei requisiti per gestire il servizio. “Se la cooperativa che aveva i requisiti tecnici ed economici e, quindi, le competenze per la gestione (cooperativa che ha permesso l’affidamento all’attuale gestore) ha ritirato l’ avvalimento per motivi a voi menzionati come gravi negligenze ed inadempienze, come mai ad oggi ancora persiste nella gestione l’impresa che non ha né competenze e né requisiti essenziali?”.  Vincenzo Valletta chiede perché non viene rispettata la legge che non prevede possibilità di sostituire l’ausiliaria (ovvero chi ha garantito certi requisiti), nella fase esecutiva. Pertanto, dovrebbe essere sciolto il rapporto con chi oggi gestisce l’attività e indire un nuovo bando per l’assegnazione della gestione a chi possiede titoli e requisiti.

Articoli simili

SEGUICI

11,542FansMi piace
85FollowerSegui

Ultimi articoli